iStella: diamo una occhiatina

iStella: speriamo nel futuro...Oggi l’informazione italiana si è concentrata attorno ad un fatto che da qualche settimana rumoreggiava fortemente: iStella, il nuovo motore firmato Soru (Tiscali).

Prendete un articolo a caso di qualsiasi testata giornalistica o ezine informatico: sono tutti uguali. Perfino l’illustro Punto Informatico (non cito nemmeno Wired…) ha scritto una pagina vuota.

Cosa si dice esattamente? Che è un progetto italiano, che non vuole fare concorrenza a Google, che sarà una evoluzione. I fatti? E’ un motore di ricerca che dando una veloce occhiata alla qualità dei risultati sembra di bassa qualità, addirittura vengono premiati i contenuti ricchi di keyword stuffing.

Senza contare la geniale idea: mixare un motore di ricerca con contenuti origianali degli utenti. E’ geniale: come se Google gli venisse l’idea di creare un social network e di sfruttare gli UGC come bussola tra i contenuti e per indicizzarli. Che idea fantastica!!!

Ometto il fatto di mostarvi qualche SERP, mi farebbe troppo male al cuore: il brutto di tutto ciò è che non ho letto un vero valore aggiunto / novità / qualità di questo motore rispetto a quelli già sul mercato (Google, Yahoo!, Bing) o addirittura di Volunia.

Da G+ – primo fra tutti l’amico Marco d’Amico – arrivano le prime radiografie. Faccio un po’ di content curation per gli amici lettori:

  • nel robots.txt manca un disallow del folder /search/ consentendo ai motori di scansionare liberamente
  • le pagine /search/ non presentano meta robots noindex
  • le pagine /search/ non bloccano server side il robots “googlebot”, né con un 403/404 nè con un redirect, né con un x-robots. Ecco la risposta che danno al bot:
    Date: Tue, 19 Mar 2013 22:13:33 GMT
    Server: Apache/2.2.22 (Ubuntu)
    X-Powered-By: PHP/5.3.10-1ubuntu3.4
    Set-Cookie: PHPSESSID=6iu514t1r97a4dpjgp47807ta5;
    path=/
    Expires: Thu, 19 Nov 1981 08:52:00 GMT
    Cache-Control: no-store, no-cache, must-revalidate, post-check=0, pre-check=0
    Pragma: no-cache
    cache-control: no-cache
    Vary: Accept-Encoding
    Content-Encoding: gzip
    Content-Length: 5812
    Connection: close
    Content-Type: text/html; charset=”UTF-8″
  • Nel robots.txt appaiono i commenti, come se i programmatori dovessero scoprire come si scrive un file di robots:
    # www.robotstxt.org/
    # www.google.com/support/webmasters/bin/answer.py?hl=en&answer=156449
  • Nelle pagine di ricerca vengono usate funzioni javascript di uso comune, messe belle in chiaro nel codice, nemmeno uno sforzo di aggiungere un .js che almeno veniva messo in cache.
  • Nel codice viene richiamato jquery, però per i cookie usano funzioncine “storiche” fatte a mano, es.: http://goo.gl/kRVX1
  • Nel hack per i CSS multibrowser appare il commentino che segnala da dove hanno preso il codice:
    <!– paulirish.com/2008/conditional-stylesheets-vs-css-hacks-answer-neither/ –>
  • I link dentro le SERP sono dofollow, dirette verso la risorsa indicizzata e – come già detto – non tutelati dal disallow. Ecco un esempio:
    <a href=”https://blog.merlinox.com/chi-e-merlinox/?replytocom=9271″><b>Chi</b>è<b>Merlinox</b> ?</a>
  • Il title delle pagine di SERP resta comunque sempre iStella, tant’è che Google  – che ha già iniziato a indicizzare delle SEPR – li riscrive. Provate la query:
    site:istella.it inurl:/search/ 

Certo che per un progetto illuminato, magari un minimo di investimento anche nel frontend io l’avrei fatto… senza contare che probabilmente domani mattina il lavoro di qualche cattivo troll riempirà le SERP di Google di immondizia fatta a iStella.

Chiusa questa nerdissima parentesi, stiamo speranzosi a vedere se la value proposition di questo nuovo prodotto o se è l’ennesima dimostrazione non che in Italia vengano spesi milioni di euro alla ca**o, ma che l’informazione italiana è ancora guidata dalle apparenze, dalle firme e non ha il coraggio di criticare e di pensare prima di scrivere!

Loading Facebook Comments ...

3 pensieri su “iStella: diamo una occhiatina

  1. Pingback: Volunia, istella, Quag e gli inutili tentativi di realizzare un motore di ricerca italiano | Web Developer Freelance / Web Designer / SEO Specialist Freelance :: EmaWebDesign

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *