Windows 7: i prezzi

Questa mattina mi sono svegliato con una strana voglia: comprarmi l'aggiornamento a Windows 7. Purtroppo il mio Vista è vecchio e non posso godere della promozione Microsoft / Acer, riservata a Vista preinstallato dal 26 Giugno 2009 al 31 Gennaio 2010!

Vado quindi nel sito di Microsoft e cerco la versione che fa per me. Scelgo la Windows 7 Professional, versione solo aggiornamento (in download). Inizialmente sono entrato nel sito internazionale (pagina di riferimento USA), versione USA. Il prezzo è di 199,00 $. Non male ritengo io e tanto per non sapere nè leggere nè scrivere chiedo a Google di convertirlo in Euro: 133 €, wonderful!

I prezzi di Windows 7

Letto tutto e quasi convinto, mi accingo a passare alla versione italiana per concludere l'acquisto, ed ecco la sorpresa: la versione omologa di Windows 7 Professional solo aggiornamento (pagina di riferimento IT), nello store italiano costa "solo" 299 €, duecentonovantanoveeuro! Ragazzi parliamo più del doppio del prezzo americano? Ed ora chi me lo spiega? Io spero vivamente di prendermi da voi sonore parolacce accompagnate da una spiegazione… ma temo non sarà così!

Mi astengo da qualsiasi commento in merito!

Loading Facebook Comments ...

32 pensieri su “Windows 7: i prezzi

  1. Joel

    Aspetterò Win 8($numeroacaso)… ho vista e una versione posso anche saltarla, da bravo barbone quale sono :D. La licenza OEM quanto costa?mal che vada paghi lo stesso ma hai un HD nuovo 🙂

    Rispondi
  2. Merlinox Autore articolo

    @Joel scusa una domanda, sicuramente colpa della mia ignoranza, come fanno a vendere un OEM, quando teoricamente OEM significa sistema operativo legato a una macchina? Non è che alla fine ti fanno il bisatto (sleng veneto, in italiano gesto dell’ombrello) e ti dicono che tale prodotto è associabile solo ad un loro hw? Mi sono preso la briga di guardare in calce a una loro scheda: “Il prodotto può essere venduto esclusivamente in abbinamento ad un PC completo.” 🙂

    Rispondi
  3. Alessandro

    Cercherò di spiegare un po come vanno affrontate queste discrepanze:
    Prima regola, mai convertire il prezzo americano in euro, soprattutto perchè da qualche anno a questa parte gli stati uniti adottano una politica di protezione interna. Questo fa si che di solito i199 dollari diventino direttamente 199 euro in fase di pagamento quando passa sul gateway europeo e non c’e modo di aggirarlo perche si basa sull’indirizzo ip geografico. Ora, ancora piu spesso i prezzi in europa sono piu alti e la garanzia proveniente dagli Usa è comunque di 1 anno anche se pochi lo sanno. I prezzi delle versioni professionali quindi business ed ultimate sono veramente alti, la bellezza è che volendo si può upgradare anche da home a business cosa che con Vista era impossibile. Il motivo di questi prezzi è semplice, vista la retroattività da giugno e fino a gennaio 2010 non ha senso spendere soldi in un upgrade da 299€ per un sistema che è si migliore ma molto simile per l’utilizzatore standard, quindi quello che vogliono è dare la possibilità a chi ha appena acquistato di non rimanere fregato e quindi upgradare a seven (con un costo comunque di supporto di 25€) e per gli altri.. Comprare un bel pc nuovo che con 500€ porti a casa Seven compreso e rilanciare il mercato. Naturalmete in accordo con i Brand mondiali.. Non se lo sono inventato a Seattle. A mio parere una politica piu che corretta anche per evitare che la gente carichi il nuovo sistema su pc di 3 anni fa sottosfruttando le sue potenzialità!
    Ciao a tutti!
    Ale – Ingengere di Sistemi Microsoft.

    Rispondi
  4. Merlinox Autore articolo

    Ciao @Alessandro e grazie del tempo dedicato per questo commento. Posso essere d’accordo sulla tua visione. E anche d’accordo sul fatto che chi ha un PC ormai vecchio non ha senso che spenda 300€ per aggiornare vista, che è un valore superiore a quello del PC… e che con 500€ prende PC nuovo e Windows 7.
    Quello che non capisco però è l’assoluta discrepanza tra i prezzi USA e IT. Capisco protezione ma qui siamo veramente completamente fuori di senno.

    Rispondi
  5. Alessandro

    Ma non è questione del fuori di senno, è come se compri Apple negli states mentre sei in vacanza e se lo compri qui. Qui lo paghi circa 2-300€ in più. E’ una politica di prezzi. In questo modo proteggono la loro politica interna che barcolla. Se si potesse tranquillamente comprare nel paese dove costa meno e costasse meno in europa ad esempio nessun americano acquisterebbe più nel proprio paese. Per me è giusto dividere per continente, altrimenti diventerebbe una guerra di prezzi e basta. Se poi mi dite che 300€ per un sistema sono tanti (la ultimate costa sui 450€..) sono d’accordo ma Microsoft sa benissimo che i privati l’avranno comunque copiato senza comprarlo e le aziende investiranno comunque in nuove macchine col sistema già installato. Sai qual’è la percentuale di sistemi reali venduti singolarmente? 3%. Tanto per dirvi quante persone compreranno mai una licenza originale a casa loro di Seven ultimate. Una precisazione, @Joel l’OEM non viene venduto per forza con un pc, l’OEM deve essere associato a qualcosa di hardware, quindi posso comprare tipo un banco di ram per il mio pc ed assieme SEVEN in OEM, però attenzione la licenza è valida solo per quel pc, quindi se vogliamo essere in regola poi non possiamo teoricamente installarla su altre piattaforme. Se invece compri un pc con seven OEM brandizzato il 100% delle volte NON RIESCI PROPRIO a montarla da un’altra parte perchè incrocia il chipset ed il modello macchina al file .inf del cd distribuito da casa madre…e quindi..ciccia!!

    Rispondi
  6. Alessandro

    @Merlinox Eh ma sei proprio un personaggio anticonformista!! Ah ah!
    Io vorrei sapere quanti di quelli che leggeranno questo post compreranno una versione originale di Seven. Quanti hanno l’Office Originale caricato, la suite dell’Adobe originale e via così. Microsoft prima di tutti sa che i privati non acquisteranno mai software originale. Per le aziende ci sono tante politiche di acquisto, rebate, rinnovo e sono agevolate. Perchè 1800€ per una Adobe CS4 ti sembra un prezzo accettabile? Anche se costa 1800$ ed ha lo stesso prezzo degli usa? O 2900€ di un Autocad 2010 LT? Il tuo discorso va bene perchè non hai ancora un amico che ti ha detto “vuoi Seven ULTIMATE funzionante a costo zero?” Però se vai a vedere cosa costa Seven in sudafrica vedrai che ha un prezzo ridicolo. Non è possibile avere lo stesso prezzo a livello mondiale perchè dipende dalla qualità della vita, dalla tecnologia di quel paese, dal reddito pro-capite. Non è una cosa di oggi che la tecnologia fuori dell’europa costi di solito molto meno, hanno solo adattato la politica dei prezzi al “solido”..poi ti do ragione. IO non lo comprerei mai per casa mia. Piuttosto cambio pc nel 2010, tanto visto le cifre…Però lo sai che io difendo a spada tratta la casa di Seattle..semplicemente perchè volente o nolente ci da da mangiare a tutti e per quante cose sbagliate faccia senza di loro saremo ancora ad usare la calcolatrice e la macchina da scrivere. MICROSOFT LIVES!
    Ciaoooo

    Rispondi
  7. Alessandro

    P.S E domani vado a Padova alla presentazione ufficiale di SEVEN di Microsoft Italia e gli dico che hanno dei prezzi del piffero e se riesco mi faccio dare qualche versione Bonus!! Poi te la passo così ami anche tu il buon vecchio Bill!! OK?? Ciao Vecchio!

    Rispondi
  8. Merlinox Autore articolo

    Allora @Alessandro ci penso e vado a prendermelo in SudAfrica (proxy docet?). Per quanto riguarda le politiche anti pirataggio, tu che sai, è restrittivo Windows 7 come promettono oppure come al solito i furbetti del quartierino la sgamano sempre?

    Rispondi
  9. Merlinox Autore articolo

    Alessandro :

    P.S E domani vado a Padova alla presentazione ufficiale di SEVEN di Microsoft Italia e gli dico che hanno dei prezzi del piffero e se riesco mi faccio dare qualche versione Bonus!! Poi te la passo così ami anche tu il buon vecchio Bill!! OK?? Ciao Vecchio!

    Non so ormai al buon vecchio Bill cosa possa fregargliene… oggi MS, come sai, è Ray Ozzie! Comunque molto volentieri.

    Rispondi
  10. Alessandro

    I furbetti la sgameranno sempre! Semplicemente perchè conoscono talmente bene i sistemi MS da seccare qualsiasi protezione…come gli Office..come tutto il resto..
    Comununque non è più restrittivo di Vista..quindi sprotetto uno…
    Se vuoi quello Sudafricano devi andarci proprio, magari però interessa anche a me venire..ci organizziamo poi tu compri Seven ed io corro dietro alle gazzelle..
    ..Ricordati che se il buon vecchio Bill prende su il telefono…anche Obama gli dice “Si signore” e vorrei anche vedere…gli manda avanti la baracca!!!!

    Rispondi
  11. Joel

    Mi ero dimenticato di sottoscrivere e la discussione è andata avanti senza di me, uff.

    @Alessandro , per la licenza OEM io parlavo di HD appunto, dato che il mio fornitore fa così. I limiti li conosco ma non è che mi capiti molto spesso di spostare un SO da un pc ad un altro. Diciamo che non mi è mai capitato, per lo stesso discorso che facevi tu prima. Ha senso montare un SO nuovo su una macchina vecchia, con il risultato di impallare tutto il sistema?no. A meno di non cambiare ram, processore, MOBO e…c’è altro? :p si fa prima a cambiare pc.

    @Merlinox , in quel sito in effetti si parla di “computer completo” ma come diceva anche Alessandro si può acquistare anche con un singolo componente HW, altrove. Ora non so se questa sia una via “truffaldina” fatta in amicizia da qualche fornitore… ma sinceramente non mi sentirei molto colpevole ad ottenere una licenza a prezzo inferiore usando questo sistema, piuttosto che al classico sistema usato da molti che prevede l’installazione di una licenza pirata gratuita 🙂

    Rispondi
  12. Alessandro

    @Joel hai ragione non avevo visto Hd! Sono d’accordo non ha senso montare una pezzo nuovo su una macchina vecchia per cambiare il sistema. Se ci fate caso i grandi Vendor si sono inventati questa bazza di integrare il sistema sulle macchine nuove proprio per venderli, altrimenti tutti l’avrebbero copiato.
    @Tutti la via non è truffaldina, ho chiesto direttamente in Microsoft a suo tempo ma in ogni caso hanno un licensing che non capiscono nemmeno loro…pensate che se uno ha un server terminal con 500 accessi e di quei 500 solo 10 accedono ad office caricato sopra ma gli altri teoricamente potrebbero uno dovrebbe avete 500 licenze…Sono dei pazzi scatenati!!! Io investirei in un bel pc nuovo con Seven..e mi farei una bella reticella col mio vecchio vista/xp..e se proprio devo trovare qualche escamotage e mi voglio tenere il mio notebook e caricarci Seven..ognuno di noi ha un amico-cugino-parente studente…e può prenderesi una Student che costa sugli 80€…originale e senza problemi per tutte le update.
    🙂

    Rispondi
  13. Joel

    @Alessandro E a farla proprio sporca un amico-cugino-parente studente di un università convenzionata con MS e ti prendi la licenza gratis :D. L’unico problema riguarda il corso frequentato, non so se ci siano convenzioni per corsi diversi da informatica (& co.). In quel caso la licenza se la terrà ben stretta, dura convincere un informatico a mollare una licenza free, eheheheh.

    Rispondi
  14. Merlinox Autore articolo

    @Joel se la mettiamo su questo piano qua, sporca per sporca, cerchiamo qualche “windows 7 free” o “windows 7 torrent” e siamo tutti contenti. Ma non è proprio sua mamma. Sappiamo tutti che scaricare software coperto da diritti è illegale!

    Rispondi
  15. Alessandro

    Infatti sarà quello che farà come sempre quasi tutto il popolo sgamato.
    Ricordate che non si dovrebbero copiare neanche i film, le cassette, i cd, i divx…siamo sinceri. Se anche abbassassero i prezzi, una cosa gratis attirerebbe sempre di piu di una cosa anche a basso costo.
    Il mio pensiero è che in un’azienda bisogna spingere sul software originale, perchè fa parte dei costi d’impresa, poi hey puoi usare ubuntu ed open office no? A casa propria, ognuno ha il diritto di fare ciò che vuole, l’importante è non vendere le copie, perchè quello è realmente illegale, ma uno non può imparare un programma in 30 giorni di valutazione ed un privato non può spendere migliaia di euro per il software. Anche imporre prezzi fuori da ogni logica è illegale secondo me..io compro spesso programmini che mi servono per il mio lavoro oltre che avere una sottoscrizione ufficiale Microsoft che comprende tutto il software distribuito (e quella costicchia qualcosa…) però chi non lo fa di mestiere ed è un dipendente non può spendere in continuazione per impararsi anche solo un programmino..dai non ha senso. Questo è quello che non capiscono. La mia idea è:
    SOFTWARE GRATIS AI PRIVATI, Software a pagamento alle aziende. Controlli che non si incrocino le cose e tutti più felici!!

    Rispondi
  16. Merlinox Autore articolo

    Ti sei dimenticato una categoria. Le aziende monopersona… ovvero i freelance. Tanto per fare un esempio (evitiamo i discorsi fai con l’open source) pensati a uno che fa i siti che ha almeno bisogno di dreamweaver, photoshop e illustrator. Non metto sql server però poverino servirebbe anche lui.
    Senza contare almeno l’office… che con open office tutto tutto non lo fai.
    Facciamo due conticini?

    Rispondi
  17. Joel

    @Merlinox meglio non farlo il conticino… la creative web suite della Adobe viene € 2.278,80. E non ho aggiunto cifre a mio gusto, purtroppo. Se poi è un lavoratore di vecchia data gli va bene e può farsi l’aggiornamento a soli € 778,80 (due spiccioli, no?).

    Per sql server farà un sacrificio ripiegando su mySQL :p

    Cmq il discorso può essere assimilato a quello delle tasse, in parte. Perchè le tasse sono così alte?perchè chi le paga deve farsi carico anche della quota di chi non le paga. Visto nel mondo del software, l’azienda sa bene che buona parte dei consumatori ricorrerà al software privata, quindi per raggiungere i guadagni necessari alzerà i prezzi.

    Questo di base, poi sappiamo bene che se tutti iniziassero a comprare software originale, i prezzi non scenderebbero mica, ormai il danno è fatto 🙂

    L’unica soluzione (nel lungo tempo) è rivolgersi al software free. Che purtroppo non è ancora all’altezza. E’ dura fare qualcosa gratis, quando si potrebbe ricevere uno stipendio per fare le stesse cose. Servirebbe una piccola porzione di tempo da parte di TUTTI i programmatori.

    P.S Quando arriva il mod a warnarci perchè siamo OT? :p

    Rispondi
  18. Merlinox Autore articolo

    1) mysql è diverso da sql server. Spesso la scelta non è dipesa dallo sviluppatore
    2) software open è bello e buono ma ci sono degli standard e non ci si può esimere
    3) i prezzi sono crollati, c’è gente che vende siti a 200 €, come fai a caricare sul cliente percentuali dei prodotti originali?

    A questo punto mi chiedo: è possibile per un freelance in partenza rimanere nella legalità?

    Rispondi
  19. Joel

    1) Si, sono diversi (php/asp) ma mySQL funge anche con asp (e famiglia). Se si parla di contenere i prezzi può essere una soluzione, ovvio che se si può spendere e spandere è meglio il meglio.
    2) Infatti, il software free è la soluzione futura. Attualmente cambieresti PS con Gimp?io no.
    3) Questo è un altro discorso, squisitamente economico. Perchè i prezzi crollano? per colpa della troppa offerta. E’ un problema legato al numero di professionisti nel settore, decisamente troppi rispetto alla richiesta. Solo i più preparati e fortunati vanno avanti, ormai. L’era del “so scrivere 4 righe quindi trovo un lavoro ben pagato”, è finita.

    Partire come freelance nella speranza di essere notati da una grossa azienda è dura. E’ molto più semplice fare il passo inverso, cioè diventare freelance solo dopo aver acquisito un bagaglio di esperienze e sopratutto di contatti, che ti permettano di vivere senza qualcuno che ti procacci il lavoro. Tanto di capello a chi nasce freelance e muore freelance. Non è affatto semplice.

    Rispondi
  20. Merlinox Autore articolo

    per colpa della troppa offerta

    Scusa @joel ma questa è una minchiata. Non è l’offerta che è troppa, è che non c’è la sensibilità nel pubblico della qualità del prodotto!
    Le scarpe Pittarello non sono della stessa qualità delle Timberland: però la gente lo sa e sceglie. Un abito Prada non ha la qualità di un vestito del China Shopping: la gente lo sa e sceglie.
    Il web ancora non ha questa posizione: la gente sceglie spesso guardando zio euro.

    Ti vendo anch’io un sito a 200 € fatto in 2 ore. E la qualità? La ricerca? Il design? L’ottimizzazione? I prodotti originali in ammortamento? L’affitto? Le tasse?

    Allora o uno è un professionista e vende qualità, e fisicamente 200€ non gli servono nemmeno per accendere il PC, oppure uno si adagia al lowlevel.

    Rispondi
  21. Joel

    eheh ci mancherebbe che abbiamo tutte le stesse opinioni!

    Il discorso sulla sensibilità ok, ci può stare. Gli utenti non hanno ancora le capacità per distinguere un venditore di fumo da un professionista serio.

    Ma per tornare al tuo esempio su scarpe/vestiti, quanta gente SA quel che compra (merce scadente) eppure la compra lo stesso, solo perchè costa poco?

    Magari fa questa scelta perchè non ha i soldi per comprare di meglio o perchè non gli serve comprare di meglio. Ci sarà un motivo se prosperano sempre di più le merci made in china, spesso di qualità uguale a quella italiana e più spesso di qualità scadente.

    Lo stesso vale per il web secondo me. Ogni persona ha portafogli e necessità diverse. Ha senso per l’utente che vuole un sitarello semplice semplice, contattare il guru del web e spendere 5.000?no. Contatta il primo tizio che trova e che gli fa spendere poco. Non gliene frega niente di posizionamento e qualità.

    Ha senso per una piccola azienda rivolgersi a un azienda di un certo tipo e spendere un patrimonio per farsi realizzare un sito di ecommerce, quando con 100 € trova chi gli configura un cms, più che sufficiente alle proprie necessità?direi di no.

    Ormai c’è troppa gente che lavora nel settore. Ci sono tante persone che lavorano nei diversi livelli. Si sono create due macrocategorie, quelli che lavorano sulle cose grosse e si fanno pagare e tanto e quelli che non rientrando nella categoria a reddito medio-alto, quindi si arrangiano a fare la qualsiasi per qualsiasi prezzo, per tirare avanti.

    Se non ci fosse una concorrenza così spietata, chi perderebbe tempo a fare un sito per 200 €?Per quanto il sito possa far schifo richiede comunque un certo impegno. Solo per incontrare il cliente e capire cosa vuole perdi ben più di due ore.

    Di fronte ad una situazione diversa, in cui l’informatico sa di poter trovare una retribuzione degna perchè la concorrenza è limitata, i prezzi sarebbero ben diversi.

    Giusto l’altro giorno davo un occhio a le offerte di lavoro che si trovano nel web, la gran parte delle cifre proposte non coprono neanche le spese per leggere l’offerta, figuriamoci per pagare un lavoro, che per quanto di bassa qualità, è pur sempre lavoro.

    Rispondi
  22. Merlinox Autore articolo

    Il tuo ragionamento fila liscio. Niente da ribattere. Per quanto riguarda gli stipendi proprio ieri ho fatto un check sui web works nella ricca Dublino: hanno abbassato i salari di brutto!

    Rispondi
  23. Alessandro

    Proverò anche io a dire la mia sulle vostre considerazione, che secondo me sono giustissime. Però dobbiamo tenere conto di alcune cose. Chi vuole diventare imprenditore, anche solo di se stesso, deve mettere in conto 2 cose: il Rischio D’impresa e l’Indebitamento iniziale. Le strade per fare mantenersi, spendere poco e non rischiare niente non esistono. Posso darvi ragione su una cosa, l’aziendina guarda il prezzo, anche nel mio caso. Ma quando si fa fare la rete da dei personaggi a costi bassi, si fa installare dei server Acer e cablare in categoria 5 e poi non funziona, dopo ha solo da stare zitta. Dopo non può rompere le palle perchè non funziona. A quel punto cosa fa? Chiama me. Io costo 90€+iva l’ora e gli picchio sui denti. Sul sito web questo non è ancora possibile, soltanto perchè è poco tempo che esiste il web ed il 90% delle persone non lo capisce. Ma ragazzi, rendiamoci conto che il Rischio di rimetterci fa sempre parte della nostra vita. Che siamo dipendenti od imprenditori (questi molto di più..) rischiamo. Il discorso su larga scala del sofware può essere interpretato anche per le tasse. Voi lavorereste 12 ore al giorno, essendo esposti per 200.000€, per prendere 1000€ al mese? No perchè il nostro stato si prende il 47% dell’utile, in piu non abbiamo pensione, ferie, malattia. Se mi dite di si c’è qualocosa che non va. Questo è il motivo dell’evasione che c’è in Italia, a partire dal software o dalla pasta e cappuccino senza scontrino la mattina. La gente sopravvive. Perchè quando avrete bisogno e sarete nella merda, soltanto voi ne potete uscire, o pensate che se avete sempre comprato tutto in regola allora lo stato vi aiuterà? Io non biasimo chi copia il software, come non biasimo chi evade le tasse. Ma ricordatevi che la storia del “paghiamo noi sfigati per quelli che non pagano” è una cagata. O credete nella favola che se tutti pagassero il dovuto allora pagheremo meno tasse? O il software costerebbe meno? Mah…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *