Web Semantico: cos’è?



How do you say .... di photolupiDa parecchi anni mi occupo di programmazione web, in modo particolare creando sistemi per la gestione autonoma dei contenuti dei siti per i clienti: comunemente chiamati CMS (content management system).

Spesso ho creato sistemi "su misura" in coldfusion oppure in asp/vbscript, ma ho anche utilizzato piattaforme standard opensource come WordPress e Joomla!: questi ultimi chiaramente in PHP, come il 99% del software aperto che fa "girare" il web.

Recentemente sto analizzando in modo più approfondito il mondo del CMS, analizzando le funzionalità necessarie per la creazione di un prodotto di fascia alta e ogni articolo in merito lo "devo" leggere. Oggi sono incappato in un collega di Blogger Italiani 2.0: "CMS semantico, un passo necessario" (semantica). Articolo molto curato che parla della futura evoluzione nel mondo della gestione dei contenuti (web3.0???). Ma mi sono fermato su un acronimo RDF (Resource Description Framework). Che vuol dire? Mi prendo quindi carico di fornirCi un approfondimento in modo da rendere meglio comprensibile l’articolo, compresi quelli come me che alla parola "semantico" cambiavano pagina :)

 

Web Semantico e RDF

Il Resource Description Framework è un modello (stile xml) definito dal W3C, per implementare nel web la descrizione dei contenuti, rispettando delle specifiche standard che possano essere condivisibile tra tutti.

La forma descrittava del RDF non si distanzia molto dal modello entità-relazioni o dal modello che viene usato in analisi per la descrizione del diagramma delle classi. Il modello alla base è "soggetto-predicato-oggetto".

Il soggetto rappresenta la risorsa. Il predicato descrive la relazione tra il soggetto e l’oggetto. Su Wikipedia troviamo un facile esempio per capire meglio. La frase:

Il cielo è blu

Viene rappresentata come:

  • soggetto: il cielo
  • predicato: ha il colore
  • oggetto: blu

Semplice no? All’interno dell’articolo di Wikipedia potete trovare approfondimenti in merito alla storia del RDF e ai metodi di serializzazione del modello. Serializzare significa (brutalmente) convertire un oggetto o una struttura di oggetto in formato "ASCII" in modo possano essere facilmente "trasportati" e condivisi.

Ad esempio questa stringa:

<urn:x-states:New%20York> <http://purl.org/dc/terms/alternative> "NY" .

Rappresenta la serializzazione "tripla" della frase "New York ha l’abbreviativo postale: NY". La prima parte rappresenta il soggetto. L’ultima parte rappresenta l’oggetto, il valore. L’indirizzo in mezzo rappresenta il modello descrittivo dell’abbreviazione. Per capire meglio cosa significhi modello descrittivo potete vedere la sua human version.

Utilizzando modelli descrittivi (predicati) standard possiamo quindi capire come diventi facile dare significati semantici alle nostre strutture. Per un elenco dei predicati disponibili potete visionare la pagina DCMI Metadata Terms. Qualche esempio dei predicati: alternative, creator, isPartOf, relation, title, …

 

Approfondimenti

Se siete interessati ad approfondire l’argomento, con diverse chiavi di lettura in itlaliano, consiglio:

<Merlinox> <is friend of> <bloggeritaliani2.0> :)

 foto di photolupi

Se trovi questo articolo su un blog diverso da “blog.merlinox.com” si tratta probabilmente di una copia non autorizzata. L’indirizzo originale di questo articolo è: Web Semantico: cos’è? scritto da .

 

Dai valore al post: Aggiungi un Tuo Commento »

Loading Facebook Comments ...

2 Risposte a Web Semantico: cos’è?

  1. Pingback: Web 2.0 muore viva il Web 3.0 | MrX

  2. Pingback: Alone in the Google?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Loading Disqus Comments ...