Voglio il panino con la me*da

***annuncioVideo***

Tutta sta discussione su italia.it mi ha fatto venire in mente un vecchio quesito che spesso mi sono posto. Un quesito che è stato parecchie volte frutto di contrasto con i miei titolari o con i miei clienti.

Da professionista (nel senso che faccio il webSomething) voglio continuare a credere che l’agenzia che ha "creato" italia.it abbia delle forti attenuanti: i clienti.

 

Ecco qui il quesito, da me volgarmente (anche Dante scriveva in volgare :lol:) definito:

 

Teorema del panino con la mer*a

Se il cliente richiede qualcosa di orrendo cosa fate? Le risposte sono varie secondo me:

  • lo faccio basta che paghi, al massimo mi levo dai credits
  • non lo faccio a rischio di perdere il cliente
  • cerco una mediazione ma alla fine cedo
  • gli dico di si, ma gli faccio una proposta che cerca di accogliere le richieste, ma diversa… magari il cliente si incazza lo stesso!

 

Il caso più difficile che mi è capitato è stato un cliente, con una moglie ex grafica (10 anni fa). Faccio la mia proposta e lei mi manda un jpg con la sua proposta in pieno stile 1996, cartaceo!

Per ora il progetto si è fermato, forse ho perso il cliente.

 

Faccio troppa fatica a fare cose disgustose: non mi ritengo un guru, ma penso di riuscire a fare cose non eccezionali ma accettabili, o almeno usabili.

Voi come vi comportate di solito? Lo fate o no sto panino?

 

Loading Facebook Comments ...

8 pensieri su “Voglio il panino con la me*da

  1. luigibio

    tra le varie possibilità ne manca una:
    – cercando di far capire al cliente che la sua richiesta è un pò fuori cerchi di fargli cambiare strada dicendo ‘si può fare ma è un pò costoso… viene 45 milioni!’ … di solito il cliente (quello che paga di tasca sua) cerca qualcosa di più economico!

    Rispondi
  2. Sid

    Conto terzi è il lavoro preferito 😀
    Diverso è per la mia microagenzia… il problema è nei numeri: in Italia ancora non c’ è cliente medio/piccolo che vada oltre il sitotipoportalino e panini discorrendo…
    Ora certo possiamo usare italia.it come metro di paragone e almeno aumentare il prezzo di quei panini 😉

    Rispondi
  3. Merlinox

    Il lavoro creativo purtroppo non ha termini di valutazione. Nè economica nè valutativa. Fortunatamente ci sono dei canoni nel design e nel linguaggio che permettono di valutare il nostro web-lavoro, però sono tutte cose che la media dei clienti non percepisce.

    Magari apprezza di più la gif animata…

    Rispondi
  4. danilo

    Meglio poco che niente, molto spesso bisogna mettere da parte il nostro ego professionale e pensare a riempire le tasche, non si campa di soli ideali. Prendiamola come una medicina che paga 😀

    Rispondi
  5. Merlinox

    @danilo: purtroppo è un tumore che avvolge le libere professioni. Mi confermava un amico fisioterapista che a volte vanno in studio da lui e gli dicono quello che vogliono.
    Ad un certo punto si è rotto anche lui i maroni e fa quello che gli viene chiesto. Punto.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *