Vademecum del bravo contestatore

Ieri è stato il NDay, il giorno della fiducia! Alla fine il Cavaliere ha dato scacco matto al signor Fini. Volente o nolente l’arbitro ha fischiato e tre gol di differenza hanno decretato la vittoria.

Fini comunque, per ottemperare alla coerenza dell’ultimo periodo, ha comunque deciso di non dimettersi. Continuerà a fare politica da uno degli sgabbeli più superpartes della politica italiana? Bah…

Ma parliamo di cose più serie. Già detto che il popolo italiano oggi ha rinunciato alle proposte per la contrarietà: a tutto o meglio a lui. Ma vediamo un probabilistico vademecum del bravo contestatore:

  • abbassiamo le tasse
  • lavoro per tutti
  • no alla cassa integrazione
  • le aziende private devono mantenere tutti i dipendenti a pieno stipendio anche se non fatturano
  • riduzione delle ore di lavoro giornaliere in tutti i contratti lavorativi
  • aumento degli stipendi per tutti i contratti lavorativi
  • sanità completa e gratuita per tutti
  • scuola gratuita per tutti
  • scuola formativa e aumento dei laboratori e della formazione sul campo
  • no sponsorizzazioni sulla scuola, ma unico sostegno statale
  • no alla scuola produttiva, ma unico sostegno statale
  • forze di polizia meno violente: via manganelli e pistole
  • via l’immondizia dall’Italia
  • si alla raccolta differenziata dei rifiuti, ma che lo Stato paghi qualcuno che la fa
  • no al nucleare, no al carbone: che lo stato compri al doppio del costo l’energia da chi invece usa il nucleare
  • no alle linee veloci ferroviarie
  • no ai ritardi dei treni
  • più pulizie nei treni
  • abbassiamo il costo dei treni

Ma qualcuno ha idea di cosa sia un business plan o un bilancio? 

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *