Uma Thurman e Schweppes

Premessa: per me Uma Thurman è una delle donne più sexy del pianeta e la trovavo sexy anche nella pubblicità della Giulietta, in cui faceva la mamma autista.

La Schweppes ha scelto il genio di David LaChapelle, per dirigere uno spot per la sua frittante bibita e per spingere la fanpage su Facebook. Puntare a Uma era puntare a qualcosa di colossale. Questo il video, poi la mia impressione:

 

 

 

 

Terribile: lei in quella posa da diva imperiale romana, con il tipo davanti che suda e quel gioco di parole tra sex e schweppes è veramente tra i peggiori spot io abbia mai visto. Secondo me avrebbe avuto molto più successo uno spot muto, in cui lei beveva d’un fiato una schweppes con un finale “d’urto”: tanti tutti si aspettano che lei alla fine il ruttino non lo fa… e invece braaaaaaaaaaaaaaaaaaammmm! Che finale sarebbe stato e soprattutto un video virale da panicissimo, come insegna l’amico Gavello!

ps: dai peggio di questo ci sono gli spot di “quello là” che ha coinvolto sia l’Arcuri sia la Tommasi e che mi si tagli le mani se gli regalo un link!

Loading Facebook Comments ...

11 pensieri su “Uma Thurman e Schweppes

  1. Appartamento67

    Credo che sia un’occasione mancata. Mi piace molto Uma Thurman e credo sia una delle testimonial più particolari e amate dal pubblico.
    Questo spot è l’ennesimo, banale, agglomerato di luoghi comuni. La donna associata ad idee di seduzione, goduria, ammiccamento e che fa discorsi ambigui in una posizione di dominio. Ma l’uomo non ne esce meglio visto che sembra un imbranato che al cospetto di una bella donna suda, balbetta e non riesce neanche a capire la situazione.
    Non facciamoci ingannare dalla finta comicità: il giochetto di parole è abbastanza banale.

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Che bello amica trovarti anche qui: mi fa molto piacere. Se nemmeno te – che ne sai alla grande di ‘ste robe – non trovi nulla di divertente o “comportamentale” in tutto ciò, evidentemente ci ho visto giusto. L’uomo ne esce peggio? Beh chiaramente ne esce peggio. Io sto ancora cercando di capire dove sia il “quel” di tutto sto video.
      Sarebbe stato più bello che lui fosse arrivato da lei con un Sciueppez in mano chiusa e finchè lei parlava, la S. gli fosse ribollita in mano: avrebbe avuto più senso. Ma forse sarebbe stato fuori budget?!

      Rispondi
  2. Appartamento67

    Grazie..anche se mi reputo solo una studentessa che cerca di analizzare le pubblicità con gli strumenti che ha a disposizione… 🙂
    Comunque la creatività spesso non è una questione di budget e ricordiamoci che sono le aziende a scegliere le campagne pubblicitarie; una statistica di cui parlava la mia prof. Giovanna Cosenza rivela il malcontento delle agenzie pubblicitarie che si lamentano del fatto che le aziende che commissionano le campagne spesso scartano i lavori migliori e che cercano di uscire dai soliti schemi mentre invece scelgono la via più facile, le pubblicità che adottano i linguaggi già “testati”.
    Poi comunque lo sanno tutti che il sesso (o l’allusione sessuale) vende.
    Semplicemente questo spot mi annoia, perchè ne vedo tantissimi, tutti uguali. Ho preferito lo spot precedente della Schweppes con Nicole Kidman, muto ed eloquente (lo trovi qui http://www.youtube.com/watch?v=qlLkn6Tl1A0 ) Simpatico tuttavia abbastanza innocente, comunque molto più casto della media degli spot che passano in tv.
    Questo spot con la Thurman l’avrei preferito in maniera diversa..che sò, potevano inventarsi un tormentone con una musichetta esotica come nel nuovo spot Malibù… 🙂

    Rispondi
  3. Merlinox Autore articolo

    Quella del budget era infatti una provocazione. La Giovanna ha ragione, ma non solo per la pubblicità, anche per un semplice sito internet. Sono capaci anche di farti cambiare le bozze e poi – dopo mesi – lamentarsi che le grafiche non sono belle… esperienza personalissima.

    E’ vero, l’allusione sessuale vende, ma qui non ce la vedo proprio: o almeno non ci arrivo!

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Come l’amica Appartamento67 ha detto, quello era decisamente meglio! Io invece l’avrei fatta ruttare: e alla grande 🙂 Nessuno se lo sarebbe mai aspettato.

      ps: oggi ho visto il nuovo spot virale della tiscali, ma talmente pessimo che non ho nemmeno avuto il coraggio di postare.

      Rispondi
  4. Appartamento67

    Non ho visto il video viral di Tiscali, dove posso trovarlo?
    Comunque io se proprio avessi dovuto fare uno spot del genere l’avrei fatto per esempio così:
    lei seduta tranquilla che aspetta l’intervista del giornalista, siccome fa caldo Uma durante l’intervista beve una Schweppes dopo l’altra, a raffica rispondendo a monosillabi alle domande dell’assetato giornalista che continua a sudare per il caldo. Alla fine Uma prende in mano l’ultima bottiglietta e lui sperando che gliene dia un po’ si avvicina. Lei lo guarda e gli dice “Ei, è finito il tuo tempo”.
    Lui deluso e grondante esce assetato, chiude la porta e fa un rutto! 😛

    E’ solo una banale ipotesi ma mi faceva ridere l’idea che lei beveva tranquilla ma gli effetti della bevanda gassosa si trasferivano su di lui 😛

    Rispondi
  5. Pingback: Merlinox's Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *