Test di Prodotto con CrowdVille

CrowdVille: la Community dei beta testerChe sia un sito web, un prodotto editoriale o un prodotto reale, una delle fasi progettuali più difficili è il test, la revisione. Chi ha avuto la fortuna di scrivere un libro sa che nonostante svariate revisioni e svariati revisori arriverà sempre un tweet con l’indicazione di un refuso.

Più il prodotto diventa complesso, più le possibilità di trovare bug aumentano. Bug che possono essere veri e propri errori o banalmente dei lack (buchi) di usabilità. Sicuramente le aziende strutturate hanno al loro interno una sezione che si occupa della qualità, di testare a fondo il prodotto e di trovare cosa non va prima dei rilasci. L’avevamo anche in Esa Software: tanta roba veniva trovata, ma mai abbastanza.

Vige poi la regola dell’occhio estraneo: se ti testi da solo i prodotti (o con il tuo team) sicuramente tanti errori non li vedi, come se fossi accecato dallo stesso processo produttivo. Per quello spesso si consiglia di fare test esterni. Nacquero così alpha tester e beta tester. Poi negli ultimi anni alcune aziende hanno deciso di buttare fuori prodotti a pagamento praticamente in beta (Microsoft) o distribuire servizi gratis prima di metterli in vendita (GMail) trasformando tutti noi in beta tester.

Per chi invece volesse affrontare la fase di test, esternalizzandola in modo più strutturato ma innovativo, può rivolgersi a servizi online che mettono in contatto produttori con tester. Sono delle specie di marketplace in cui domanda e offerta si incrociano. Tra questi servizi ho scoperto la community (la definisco così per come è strutturato il sito) di Crowdville.

Gli utenti interessanti, dopo un veloce processo di registrazione, possono entrare in una specie di forum in cui le “stanze” sono prodotti/servizi o settori di interesse. Ogni utente può essere coinvolto in tre tipi di test diversi:

  • test su prodotti esistenti (app, siti, prodotti, …)
  • test pre lancio di prodotto
  • campagne “end to end” ovvero test completi dell’intero ciclo di vita del prodotto

L’adesione alle campagne richiede l’accettazione da parte dell’utente delle regole del test, tra cui è molto probabile venga richiesta la sottoscrizione di una NDA (non-disclosure agreement) cioè di un accordo di non divulgazione. I tester potranno essere ricompensati tramite un pagamento o tramite la cessione del prodotto/servizio stesso.

Altra cosa carina di Crowdville è la possibilità di coinvolgimento nella community e di accesso a percorsi di formazione e a percorsi di sviluppo di nuovi prodotti.

Non vi nascondo che provo un sadico piacere a testare i prodotti: che siano sport-watch, scarpe da corsa, software o siti web. Non ho resistito all’iscrizione e aspetto la prima chiamata all’ordine: poi – se posso – ti dirò come è andata! Sono molto curioso anche perché testare un prodotto per recensirlo è un discorso, ma testarlo con l’obiettivo di “massacrarlo” (positivamente) è tanto allettante come idea… ne sanno qualcosa gli amici che ogni tanto mi chiedono di dare una occhiatina 😉

Buzzoole

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *