Merlinox's Blog

Tecnologie Connessioni e Cavetti

L’evoluzione tecnologica e la comunicazione, un cammino irrefrenabile che oggi c’ha portato ad essere iperconnessi, multimediali, assuefatti di condivisione.

La tecnologia si è spostata dai grandi hardware (immagina i primi pc, le prime macchine da stampa) a prodotti piccoli e portabili, meglio se wireless, senza cavi. Io sono un classe ’77 e posso dire di avere avuto la fortuna di aver visto il fulcro di questo processo, in particolare l’evoluzione del telefono: da quello di casa con la rotellina fino agli odierni smartwatch (e Google Glass #RIP).

Tutto ciò porta con se un difetto: le batterie. Storicamente odio la roba a batteria ma sto (devo) iniziando ad abituarmi. Essendo però un forte credente della legge di Murphy so benissimo che ogni device che uso saltuariamente sarà scarico alla bisogna e ogni device che uso costantemente mi abbandonerà nel massimo momento del bisogno. Possiamo esimerci da tutto ciò? Direi di no. Almeno io trovo delle difficoltà: smartphone, sport watch, cuffiette bluetooth, …

A tutto ciò si aggiunge un altro problema: i caricatori ma soprattutto i cavi. Purtroppo nonostante leggi, nudge e indicazioni varie ci sono ancora tanti formati e – sempre per Murphy – il rischio è che può capitarti l’assoluto bisogno e non trovare nulla di compatibile. Tutto raggruppato nel concetto di USB che dividiamo in:

Come affrontare tutto ciò? Io avallo la proposta di UIRETEK, giovane azienda che propone un multi-pin (3-in-1 o 4-in-1) con vari tipi di connettori: offre un prodotto carino da vedere, simpatici i materiali del cavo tipo in tessuto, di buona qualità (che non è poco, perché quelli di bassa si rompono e sfilacciano spesso e volentieri) e ad un buon prezzo.

La cosa carina inoltre è che con una unica connessione USB Maschio (A-Type) si possono connettere anche 4 device contemporaneamente, risparmiando tempo ed energia: un buon amico da tenere a casa se siete multidevice o in ufficio.