Sopravvivere al (not provided)

Non rimanete "Alone in the Dark" col (not provided)Qualche settimana fa ho avuto il piacere di partecipare al Super Summit, ovvero un evento online dove alcuni esperti (loro…) hanno raccontato le loro esperienze nel mondo del web marketing o approfondito qualche tema.

Per quell’evento ho deciso di affrontare il tema (not provided), con lo scopo di dare alcuni consigli su cosa fare per sopravvivere senza keyword.

Durante l’oretta di streaming ho cercato di spiegare COSA è il (not provided) quindi come riuscire comunque ad analizzare gli accessi al sito sfruttando Google Analytics, Google Webmaster Tools e soprattutto portando lo sviluppo del sito in un’ottica di atomicità.

Il concetto “nuovo” del sito in realtà non è nuovo, ma è alla base dell’architettura dell’informazione. Con l’avvento di Google Hummingbird e del (not provided) da fattore importante probabilmente è diventata un’esigenza. Vediamo di riassumerlo:

  • ogni pagina deve essere un’entità unica nel sito
  • ogni pagina deve rispondere ad almeno un topic* di richieste dell’utente, per placarlo proprio nel suo percorso di ricerca
  • ogni pagina (come punto 1) non deve essere in conflitto con un’altra pagina

* topic = astrazione del concetto ristretto di keyword

Con una struttura simile siamo in grado di analizzare il sito, anche solo tramite l’analisi della landing page. Con una struttura simile, appoggiandoci al Google Webmaster Tools e agli altri strumenti keyword previsionali, riusciamo a dare un presente e un futuro ad un sito.

Per insulti, contrapposizione, critiche, … i commenti di questo blog sono a vostra disposizione. Se li piazzate sui social magari fate la cortesia di taggarmi, altrimenti perdo tutto: sono un distrattone!

Loading Facebook Comments ...

4 pensieri su “Sopravvivere al (not provided)

    1. Merlinox Autore articolo

      Assolutamente. Le scorciatoie stanno scomparendo (ma ancora vanno!!!). Ci vuole fantasia, ci vuole social, ci vuole content.
      Ma ci vuole anche una regia che diriga questo flusso creativo.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *