Social bookmark e utenza

click poser in the beach... di Fernanda Fronza

Il post su oknotizie ha generato un vero polverone: critiche, polemiche, consigli e qualche schiaffo. Insomma tutto ciò che mi aspettavo. Inoltre una gradita visita da parte di Antirez, uno degli admin di oknotizie. Da tutto ciò sono nate dentro di me molte riflessioni e una forte conseguenza: beh la conseguenza la conoscete, ho dato l’addio a oknotizie. La riflessione più importante è quella dei social bookmark:

  • chi in Italia usa i social bookmark? di che ceto "informatico" sono gli utenti? geek o keeg?
  • come vengono usati i social bookmark? in modo solo passivo: gli utenti entrano nei social e leggono le notizie raccolte
  • quanto gli utenti usano i social bookmark integrati nei nostri siti: segnala su, vota qui, dai ok…?

[ad name=”postdx”]Io ho dedotto questo: la maggior parte degli utenti non usa i social in modo attivo / propositivo, ma svolge un’azione parassita. La maggior parte delle segnalazione è fatta dagli autori stessi o da agenzie/persone pagate per segnalare e fare votare.

L’uso dei pulsanti di integrazione dei social nei blog/siti è bassissimo. La mia esperienza personale dà risultati, per pulsanti in zona Titolo, imbarazzanti: inferiore al 3 per mille (0,3%).

Per la serie "Se vi piace sto post un voto sul pulsante di Wikio, a sinistra del titolo NON mi fa schifo, grazie!".

FriendFeed, Twitter e company sono cose da Geek e anche i link postati (più o meno maliziosamente) su Facebook danno risultati di clickthrougt davvero molto bassi, secondo me inferiore a 1-2 %!

Voi che ne pensate? Esperienze diverse? Consigli?
Confrontiamoci insomma e fotografiamo la situazione reale (o facciamoci fotografare da Fernanda…)!

foto di Fernanda Fronza
 

Loading Facebook Comments ...

12 pensieri su “Social bookmark e utenza

  1. elisa

    Io adoro il social bookmarking; credo che senza non potrei vivere! No, dài, sto esagerando… 🙂 Ma lo trovo utilissimo per avere semre a portata di mano i miei preferiti. Ne uso 2: Diigo (dove metto di tutto di più) e, più recentemente, StumbleUpon (dove mi limito ad argomenti legati a grafica, webdesign, tipografia, fotografia, ecc ecc).
    Non mi faccio mai ricattare psicologicamente dal fattore amicizia: voto solo ciò che a me piace, convince, ed è utile. Segnalo quasi sempre contenuti altrui, davvero raramente quelli miei.
    Per quanto riguarda i servizi di news sharing (tipo okno, per capirci), invece, li uso esclusivamente per segnalareil mio contenuto e per votare le notizie interessanti che leggo nel momento in cui mi trovo a passare. Voto comunque solo chi, a mio giudizio, se lo merita, e quasi sempre solo argomenti di grafica, fotografia e webdesign.
    Non ho mai usato i famosi “pulsantini” in fondo o vicino al titolo degli articoli dei blog. Quando trovo cose interessanti, segnalo dal browser con le toolbar di Diigo e SU.
    Non sapevo che l’integrazione di pulsanti social nei blog fosse così bassa. Io personalmente ho quello di okno in fondo ai miei articoli, ma già stavo pensando di toglierlo, perché mi sembra che non lo usi mai nessuno per votarmi e quindi occupi solo spazio per niente! 😛

    Rispondi
  2. Merlinox Autore articolo

    @elisa: lo sai che il pulsante in fondo di oknotizie non è fatto dal social ma da quel genio di Traffyk??? E che oknotizie non è nemmeno così contenta lo abbia fatto?
    Cmq tu sei una brava utente. Però se questo post ti piace un voto su Wikio e su Stumble li puoi dare 🙂
    ps: ma quanto scrivi??? scherzo ovviamente, anzi grazie!

    Rispondi
  3. Gabriele

    ciao, posso confermare che con la mia “micro” esperienza i tasti di segnalazione sia di onkotizie che dei fari facebook wikio e netstumbler sono usati pochissimo. Forse nel mio caso (ricette e cucina) l’utenza è un pò meno smaliziata e magari molti non saprebbero spiegare di cosa stiamo parlando in questo momento!
    ciao!

    Rispondi
  4. Traffyk

    La storia dei voti pagati su oknotizie ormai la sanno tutti, per quanto possa esser deprimente si sa bene che ormai quando di può sfruttare qualcosa o qualcuno a poco prezzo lo si fa sempre.

    Io con i social avrei chiuso a parte Facebook che una discreta percentuale di visite (parliamo comunque di meno dell’1% rispetto al resto del sito) me la porta sempre. Ma il mio intento più che altro su facebook è condividere pensieri e ricevere commenti che difficilmente potrei avere sul mio blog quindi diciamo che differenzio anche la tipologia di contenuti o altre volte mi limito a dei crosspost.

    Rispondi
  5. Merlinox Autore articolo

    @traffyk: ciao vecchio, bentornato. Per i mussi come me spiega il “crosspost” please.
    ps: per il link senza nofollow nei commenti sono 10 euro 🙂

    Rispondi
  6. elisa

    @Merlinox: certo, lo so che fu fatto fa Traffik, per “combattere le allegre combriccole” di okno! 😉 “Genio” lo usi in senso ironico o… =o
    Io una brava utente? Non so… lo spero! Ma diciamo che agisco in base al mio personalissimo concetto di utilità e onestà.
    Mi piace il tuo blog perché vedo che si può discutere veramente; oltretutto le tue scelte tipografiche (font piccino) non inibiscono chi vuole fare lunghi commenti! 😉

    Rispondi
  7. Merlinox Autore articolo

    Per la cronaca, analizzando l’ultima settimana, su ~2400 pagine viste i click sui pulsantini sociali sono state 34. Molto probabile che più di una decina sono miei! 1% di ctr 🙁

    Rispondi
  8. Pingback: Servizi gratuità e autoreferenzialità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *