Sitemap e blog

Termometro. di Léo FerrazSu techno burger viene data un’utile indicazioni per gli abitanti di blogger, i blog di blogspot. In pratica spiegano come personalizzare l’RSS standard della piattaforma Google, cambiandone l’ordinamento e il numero di post visualizzabili.

Non so quanti ne siano a conoscenza, ma Google Webmaster Tools accetta come sitemap anche i feed in formato ATOM. Quindi usando le loro istruzioni è facilissimo riuscire ad integrare il nostro RSS sempre aggiornato con le sitemap di google. Nota bene: periodicamente Google va autonomamente a cercare versione aggiornate del file online.

Funzionalità provata e gradita, ma come ho scritto sul post, con qualche riserva. Per un blog, specie su piattaforma standard, con una navigazione tra i post capillare e garantita, è veramente utile avere una sitemap?

Una delle cose più interessanti che è letto come risposta è il commento di Andrea Romagnoli:

un altro vantaggio è quello di poter vedere, su Google Webmaster Tools, il numero di post indicizzati rispetto al totale riportato nelle sitemap.

Secondo me c’è da rifletterci. Dopo qualche giorno, testando il blog faridere.it, i risultati sono i seguenti: 383 pagine inserite, 365 pagine indicizzate. Un gap di 18 pagine.

Primo effetto rilevato: un leggero incremento nelle crawler stat alla voce Number of pages crawled per day.
Secondo effetto rilevato: un incremento di circa il 30% dei navigatori proventienti da Google.

Ma allora funziona? Risposta da ingegnere: non sono in grado di rispondere, nel senso che non ho avuto modo (come online nessuno a modo a mio avviso…) di isolare le variabili. Comunque mi sembra un risultato da monitorare.

 

E wordpress?

[ad name=”postdx”]Come tutti gli amici della piattaforma opensource WP sanno, le possibilità di malleabilità sono infinite. Un bell’aiuto lo da anche il plugin google sitemap xml, con l’unico difetto che tende ad appesantire il server.

Ma supponendo di riuscire a customizzare un feed Atom in modo che restituisca tutti i risultati dei post, sarebbe a questo punto possibile rimuovere l’indicizzazione delle pagine di archivio, tag e categorie? La risposta però la lascio a Enrizo, che su WP (prestazioni & ottimizzazioni) ne sa molto più di me!

[15.03] Come mi aspettavo la risposta su come configurare i Feed di WordPress non è tardata, anche se pare che la soluzione non sia proprio così ottimale. A questo appunto aggiungerei che potrebbe essere utile fare un test di questo genere:

  • bloccare l’indicizzazione delle pagine "archivio"
  • crearsi degli xml sitemap di archivio e caricarli da sior google
  • magari effettuare l’operazione una volta alla settimana / mese se sappiamo che abbiamo fatto modifiche a vecchi post

Ciao e grazie Enrizo!

 

foto di Léo Ferraz

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *