Si chiamano Pinstriping. Punto.

Cliccare per ingrandireInternet, la carta e adesos anche la televisione sono stati invasi. Invasi da una nuova forma di comunicazione grafica, fatta di curve intersecanti, che portano insieme dinamicità, “dolcezza” ma anche una notevole dose di forze.
Hanno un nome, ebbene si. Si chiamano Pinstriping che letteralmente significa “a strisce molto fini”.
In realtà il termine deriva proprio dal materiale usato per le decorazioni “Pin Stripe” (Wikipedia, ndr), per poi diffondersi nel design tradizionale.

Beccatevi questo videozzo che riunisce le tecniche di pinstriping con il tuning: ponete l’attenzione su quelle magiche mani!

Anche online pare che il materiale prosperi. Io continuo le mie ricerche, se avete qualcosa da proporre siete i benvenuti!!!

Loading Facebook Comments ...

22 pensieri su “Si chiamano Pinstriping. Punto.

  1. Merlinox

    A me fa impressione il modo con cui usano il pennello, tutti indistintamente. La delicatezza, sembra una musica.
    Ma che pennelli sono quelli li?

    Rispondi
  2. Mavero

    di sicuro non credo siano pennelli comuni … potrebbe essere qualcosa di "siliconico" secondo te?
    Troppo compatto ed elastico per i miei gusti … mah!

    Rispondi
  3. Stefanuccio

    Ma che tipo di colori sono? Direttamente sopra la vernice, non é che al primo lavaggio, se uno ci da di forza… viene vie tutto?

    Rispondi
  4. k76

    Ecchime!
    sono pennelli normali, cioè con le setole, più o meno lunghi/grossi a seconda della linea da fare

    Per il colore è vernice da carrozzeria, normalissima.
    Nel video si vede che danno le pennellate direttamente sul grezzo o sul trasparente, sono 2 effetti diversi.

    Sul grezzo (opaco/non lucido) e poi gli si da il trasparente sopra, una o più mani, l’effetto è di una verniciatura unica come se le striscie del pinstriping siano fatte direttamente alla prima mano di colore
    A seconda dei colori si può giocare l’effetto tono su tono vedo non vedo, è molto bello vedere che la colorazione sembra originale da lontano mentre se ti avvicini vedi tutte queste striscioline che formano disegni pazzeschi

    Direttamente sul lucido, l’effetto a me non piace, perchè si vedono 2 strati di colore, però lo si usa maggiormente quando c’è da fare molto contrasto o mettere in risalto il disegno.
    Alla fine si aggiunge sempre uno strato di trasparente, ovviamente, sennò come dice stefanuccio alla prima lavata…. 😉

    il risultato finale è come vedere uno scalino tra un colore e l’altro senza però che in controluce si veda la differenza.

    mi sono informato ieri sera, la tecnica del pinstriping differisce molto dall’aerografia, primo perchè non si posso proprio fare sfumature omogenee, anzi è una della sue prerogative, e secondo perchè ci vuole moooolto più tempo a fare un disegno.

    I costi sono veramente esorbitanti, ovvio! come tutte le cose fatte a mano.

    Rispondi
  5. Die

    ciao a tutti, io realizzo aerografie, e ora voglio provare a buttarmi nel pinstriping infatti ho appena ordinato i materiali in internet.
    Posso dire che cmq le vernici credo sia meglio usare quelle apposite (io ho ordinato quelle), perchè robabilmente hanno un migliore "aggrappaggio" alla superficie, xke nonostante che alla fine si dia il trasparente se un lavoro non è fatto a regola d’arte o con materiali "after market" , il lavoro non sarà perfetto..
    X il pennello non è un "comune pennello", e fatto tipo a taglio, con manico corto e setole lunghe.Quest’ultime non sono sintetiche ma di animale vero, tipo quello che ho preso io è di scoiattolo, xke ha una maggiore tenuta del colore e quindi si possono fare lunghe linee o tracce, con un pennello comune dopo 10 cm si deve ribagnare nel colore.
    Spero di esservi stato utile…:)…ciao a tutti.Die

    Rispondi
  6. Merlinox

    @Die: Utile? Utilissimo sei stato! Anzi, non appena fai qualcosa mandami subito via mail che posto volentieri le tue creazioni.
    A me stupiva molto, dai filmati, come il pennello tenesse la forma, la sua consistenza. Per spiegarmi oserei dire un effetto "gommato". Sei sempre il benvenuto!

    Rispondi
  7. lupaki@libero.it

    Sono pennelli corti,e nn sono sintetici…è pelo di scoiattolo …faccio quei lavori ,ma nn a quel livello…fantasticooo! I colori sono vernici speciali,e nn vengono via sulla carrozzeria nemmeno se strofini energicamente.Non è cmq facile…ve lo assicuro.Ci vuole mano ferma,e inoltre quel pennello non è facile da usare come quelli con il pelo corto e sintetico.

    Rispondi
  8. Merlinox

    😆 è vero però che la bravura di un artista è proprio quella di far nascere da un errore una nuova idea, che magari non avrebbe mai creato 🙂

    Rispondi
  9. danx

    ciao sono DANX e sono un pinstriper.i pennelli sono lunghi circa 15 cm di cui 10 di pelo di scogliattolo blu. le vernici sono al piombo e non è facile toglierle una volta essiccate.con il pennello si possono useguire linee lunghe anche 2 mt.
    se volete vedere i miei lavori andate su http://www.airbrushfree.com/danx.
    un saluto e spero di esservi stato di aiuto.
    p.s. il costo di un pinstriping si aggira sui 70/100€

    Rispondi
    1. simone

      ciao io sono simone, ho guardato i tuoi lavori e devo dire ke 6 veramente bravo!! io faccio il decoratore a tempo perso ma in fiera ho visto il pinstriping e mi piace molto.. mi puoi aiutare per trovare i colori e pennelli adatti?? grazie simone

      Rispondi
  10. Pingback: Robotizziamo il web design

  11. Explo

    Ciao sono Andrea “Explo”.
    Faccio anch’io pinstriping.
    Fare tanta pratica e’ la chiave fondamentale per questo tipo di arte decorativa, sia per arrivare a tirare linee con la giusta consistena di smalto diluito, sia per sensibilizzare l’occhio e la mano al tracciamento di grafiche simmetriche senza l’ausilio di alcuno strumento meccanico.
    Poi e’ tutta questione di istinto, buon gusto e tanta, tanta passione!

    Buon divertimento!

    Rispondi
    1. hothead

      ciao explo sono hothead ci seguiamo su facebook e ammiro i tuoi lavori.
      Serve comunque un minimo di approccio pratico un guru che ti segua un pó nei primi passi.Io per fortuna conosco da tempo Mosa che mi ha illuminato.
      Complimeńti ancora !!

      Rispondi
  12. Merlinox Autore articolo

    @Explo: non so come ringraziarti per il tuo passaggio qui. Anzi il modo lo so, mandami una email a merlinox (at) gmail.com!
    Ho visto le tue opere: sono sbalordito!

    Rispondi
  13. Pingback: Explo: Pinstrping made in Italy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *