Sezione riservata in Joomla

Dopo un po’ di sudata, causata anche dalla mia inesperienza con Joomla!, sono riuscito a fare quello che volevo. Ringrazio soprattutto Donnan e il gruppo del forum per l’aiuto, non ricevuto dal forum italiano.

 

Obiettivo

L’obiettivo è di creare un utente in grado di modificare solo le sue pagine e di creare un gruppo di utenti registrati "speciali" che possono accedere a dei contenuti protetti.

 

 

Strumenti utilizzati

JACL Plus della ByOS Technology (freeware): un modulo di Joomla!

Il plugin permette di editare in modo semplice i file di Joomla e le basi di dati dove sono dichiarati gli Special Group. Una volta installato procediamo.

 

 

Procedimento

Creiamo l’utente editore.

  • Creiamo un nuovo livello di accesso con JACL: Component > JACLPlus > Access Level Manager. Per praticita lo chiamiamo AL_myLevel.
  • Creiamo un nuovo gruppo di utenti speciali: Component > JACLPlus > User Group Manager. Tale gruppo, per comodità chiamato UG_myAdmin dovrà essere figlio di Author (Public FrontEnd > Registered > Author), con livello di accesso Public-Registered-Al_myLevel. Non ereditiamo altro. In calce andiamo ad assegnare i diritti di edit per le pagine/sezioni/categorie interessate. Quindi clicchiamo + ogni regola e salviamo il tutto.
  • Creiamo un utente in Joomla! (Site > User Manager) e assegnamoli il gruppo UG_myAdmin (Public FrontEnd > Registered > Author > UG_myAdmin). Tale tipo di utente potrà modificare solo le proprie pagine, accedendovi dal sito pubblico e logandosi. Per meglio capirci chiamiamo l’utente myContentAdmin. Assegnamoli il tipo di editor che preferiamo. Salviamo.
  • Con il nostro utente super amministratore prepariamo la pagina o le pagine che devono essere affidate allo spleciale redattore.
  • Assegnamo a tali pagine l’autore myContentAdmin.

A questo punto abbiamo creato un utente blindato, in grado solamente di modificarsi le proprie pagine, create precedentemente dall’amministratore.

 

Utente navigatore

  • Creiamo un nuovo gruppo di utenti speciali: Componet > JACLPlus > User Group Manager. Tale gruppo, per comodità chiamato UG_myGroup dovrà essere figlio di Registered, con livello di accesso Public-Registered-Al_myLevel. Non ereditiamo altri diritti e salviamo.
  • Andiamo nella gestione utenti (Site > User Manager) e creiamo un utente di prova myContentUser al quale assegneremo il gruppo UG_myGroup.
  • Ultimo passo. Andiamo nei nostri contenuti riservati e, dentro al tab laterale Publishing Info, assegnamo il livello AL_myLevel.

Il gioco è fatto. Gli utenti registrati normali (registered) non potranno accedere a quel contenuto. Gli utenti registrati assegnati a UG_myGroup potranno accedere ai contenuti.

 

L’utente myContentAdmin potrà, dopo essersi logato, accedere ai suoi contenuti online e modificarli.

English translation: Reserved secton in Joomla!

Loading Facebook Comments ...

12 pensieri su “Sezione riservata in Joomla

  1. Merlinox

    Assolutamente no. Joomla sono stato costretto ad usarlo al lavoro per modificare un sito. Non mi piace lavorare in “catene” e la prima impressione con Joomla e che se vuoi fare qualcosa di più “personale” è un casino!

    Questo blog l’ho fatto io in coldfusion.

    Rispondi
  2. luigibio

    io l’ho provato prima di metter le mani su wordpress, l’impressione è che le potenzialità siano notevoli, ma che sia orientato più verso la creazione di portali strutturati, quindi per un blog sarebbe una inutile complicazione.
    saluti luigibio

    Rispondi
  3. Merlinox

    A mio avviso per i blog ci sono:
    – blogger: per entry level e cose veloci
    – tumblr: per la massima semplicità
    – wordpress: per quelli seri

    Rispondi
  4. swamp

    ho usato joomla per un paio di siti commerciali.
    non mi piace per nulla. ci sono cascato solo per la pubblicità spudorata che si fanno.

    Rispondi
  5. Merlinox

    Ho lavorato per anni in coldfusion, e tutti mi proponevano CMS, opensource e soluzioni così.
    Vanno bene finchè non ti ci deve scontrare adosso: alla prima esigenza particolare inizia la guerra.

    Io sono chiaramente inesperto ma per sto post qui ci ho perso più di un giorno di lavoro. Però pare che io e te siamo gli unici a pensarla così caro swamp!

    Rispondi
  6. Copes Flavio

    All’inizio per capire il funzionamento di Joomla ci si deve sbattere la testa, ma tutto sommato non è una architettura complicatissima. Tra moduli, componenti, mambots, core e chi più ne ha più ne metta… A furia di lavorarci sopra poi le cose diventano più chiare 😉 e ora arriva Joomla 1.5, si ricomincia da capo, con una architettura completamente nuova.

    Rispondi
  7. Merlinox

    Sicuramente è causa della mia ignoranza fotonica in Joomla, ma ho provato sia la 1.0 sia la 1.5 insieme e non mi pare che siano cambiate molte cose.

    Rispondi
  8. flashmotus

    joomla? proprio in questi giorni un collega mi proponeva di metterci mano o meglio di farci un giro, giusto per valutarne le potenzialità. Ma sono scettico, motivo principale è la mancanza di tempo e poi le “catene”, come le definisci te, non piacciono neanche a me.

    Rispondi
  9. Merlinox

    E’ da questa mattina che combatto sul server ufficiale, in quanto installando JACL mi è andato tutti in CULO!
    Lingua del CMS cambiata, installazione componenti inacessibile…

    e dire che ho fatto tutti i test in locale 🙁

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *