SEO: analizziamo l’analitico, ma con stile

Cambio ricerca o seconda pagina

Se non trovi quello che cerchi vai in seconda pagina o cambi ricerca? Secondo SeoBook il cambio ricerca è la scelta di più del 55%. SeoBook »

Landing page: 5 consigli

Mona Elesseily dona 5 consigli per fare una buona landing page: 1) testimonial validi 2) valorizzare i bottoni 3) rimuovere il superfluo 4) richiamare la call to action 5) provare linguaggi e parole diverse. Vai Mona »

Intervista al SEO di Adobe

Fare SEO ad un’azienda con un brand come Adobe è veramente un impegno o un gioco facile? Eric Enge intervista proprio Warren Lee, il responsabile SEO di tutta l’Adobe. I suoi punti di forza sono: allineamento delle funzionalità, focus su obiettivi critici, supporto e acquisto di progetti interessanti, formazione.

Link building analitico

Link building analitico, ovvero come fare link building senza obbligatoriamente rivolgersi al mercato della compravendita. Ottime tecniche su come analizzare chi ci linka “male”. La parola a Prashant.

Loading Facebook Comments ...

6 pensieri su “SEO: analizziamo l’analitico, ma con stile

  1. Pingback: SEO: analizziamo l’analitico, ma con stile @merlinox | Manlio Mannozzi

  2. Entony

    Davvero dei bei spunti. Oggi fare SEO diventa più complicato ogni giorno, soprattutto con il continuo aggiornamento degli algoritmi da parte di Google.
    Ho anch’io un blog sulla seo e il web marketing, in cui parlo dei fattori importanti per il posizionamento e delle modifiche che apporta Google di tanto in tanto e spero che lo visitiate e partecipate attivamente!

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Entony se ci capita sottomano lo visito (visitiate non è adatto per un blog personale) volentieri. Mi spiace per il tuo link ma qui sono tutti nofollow, sai cosa significa vero?

      Rispondi
  3. Entony

    Si Merlinox certo che so cosa significa che il link è nofollow. Si il blog è personale ma parli di argomenti interessanti e potrebbero passarci molte persone. Per esempio io ti ho trovato in prima pagina con blogsearch con la parola chiave seo, il che non è affatto male. Il link anche nofollow va bene, sempre se non ti da fastidio e vuoi eliminarlo, Google il nofollow lo legge ma non sempre lo ascolta, quindi magari potrebbe anche farmi bene.

    Rispondi
  4. Kumar Kunal dal Webstarttoday.com

    Si prega di concentrarsi sui punti di seguito indicati per SEO in modo da aumentare il traffico e ottenere maggiore visibilità sui motori di ricerca: –
    1. contenuto
    2.Keywords da Google Adwords: – strumento di ricerca parole chiave
    3. Titolo della pagina su tutte le pagine. Ogni pagina deve avere un titolo di pagina diversa non dovrebbe superare i 70-80 caratteri.
    4. Parola chiave non dovrebbe essere più di 2-3 volte nel contenuto, parola chiave dovrebbe essere lì all’inizio del titolo della pagina.
    5. Controllare i concorrenti con i quali keyword sono di alto rango.
    7. Crea un account Google posto dopo l’attivazione eseguire alcune offerte.
    8. Creare un Sitempap​​, Analytics e Google Webmaster strumento per monitorare le statistiche.
    9.Submit il sito nel maggior numero possibile di directory.
    10. Partecipa ai forum come il quorum che ha più di 50 milioni di utenti.
    11. Scrivere blog o inviare articoli, se possibile.
    12. Crea la tua pagina aziendale su Facebook, Linkedin, Twitter, Google Plus e Pinterest e di essere attivi su questi e imparare a utilizzare in modo che si può utilizzare nei modi migliori possibili.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *