Scrivere un bel post

Un mito: Sbirulino!Scrivere un bel post per un blogger è importante. Insomma è inutile riempire il blog di parole senza senso quando invece, con un po' di impegno, è possibile scrivere bene.

La cosa importante è scrivere in modo corretto, poi magari se non si trovano contenuti, ci si può aiutare leggendo qua e là. L'importante però è scrivere qualcosa che abbia senso e che sia filante. Sull'ultimo punto cercherei di fare maggior chiarezza.

Avete presente le sottilette? Ecco un buon articolo deve avere un effetto simile, nel senso che deve sciogliersi nel lettore, in modo da essere un tutt'uno con le idee di chi legge. Questo perchè se il lettore condivide e si integra con il nostro modo di pensare, alla fine, significa che abbiamo scritto bene.

Ma l'importante comunque resta che facciamo le cose per bene: cerchiamo un bel argomento, magari leggendo qualcosa in giro o integrando articoli: riportate bene le fonti ma in modo corretto così che tutti possano essere entusiasti del vostro lavoro.

A questo punto sono certo che abbiate capito bene, come si scrive un bel post. Più chiaro di così non riesco a essere: penso di avervi dato una buona griglia per scrivere un bel post, in modo corretto: vi basta seguire bene la traccia.

Questo articolo fa parte del M. D. B. Q.! Se avete capito bene il post sicuramente sarete in grado di decifrare l'acronimo… altrimenti buona gara.

ps: a R.B., con affetto!

Loading Facebook Comments ...

52 pensieri su “Scrivere un bel post

  1. Claudio Gagliardini

    OK, testo liscio e scritto bene, ispirazione tratta da svariate fonti e cos’altro? Basta davvero saper scrivere bene per poter essere un blogger di successo e affinché tutti “possano essere entusiasti del vostro lavoro”? Dai, magari c’è di più e non ce lo dici per non svelare il trucco… 😉

    Rispondi
  2. Merlinox Autore articolo

    @Claudio Gagliardini devi leggere tra le righe. Nel senso che se scrivi bene qualcosa che è buono il risultato non può che essere ottimo. Poi devi integrarti tra le sfumature. E chiaro che l’entusiasmo è un bene, quando però è ben motivato dagli sforzi con cui uno si è messo all’opera. Non so se mi sono spiegato.

    Rispondi
  3. Merlinox Autore articolo

    @Claudio Gagliardini non farti intrappolare da una banale trappola visiva. Dietro a poche righe scritte non troppo bene, ci sono mesi di lavoro e di sintesi cercando di esporre in modo semplice, bene e liscio i concetti che reggono la blogosfera.

    Rispondi
  4. Merlinox Autore articolo

    @Antonella Viapiana secondo me dipende dagli obiettivi che uno si deve ben prefissare prima: la risposta corretta per me è “a prescindere”. Ma poi bisogna vedere se la parola che hai scelto è bene o no. Potrebbe pure non esserlo e quindi tu potresti aver scritto bene, ma fare un disastro blogosferico. Chiaro?

    Rispondi
  5. Claudio Gagliardini

    Sì, hai ragione. Hai talmente ragione che sul mio modesto blog sta per apparire tra le “Citazioni Web” la tua “Un buon blog post è come una sottiletta, si scioglie nel lettore in modo da essere un tutt’uno con le sue idee”. Kraft ringrazia e io… beh, scriverò un post dopo una decina di giorni di inattività, oltre a fregarti una citazione! Hai capito che muso che sei…? (Muso, maschile di musa, ovviamente).

    Rispondi
  6. Antonella Viapiana

    @Claudio Gagliardini Intitoliamo il tuo post
    “Due piccioni con una fava”.
    @Merlinox
    Sono assolutamente d’accordo sul riuscire a penetrare il lettore con un argomento, infatti ho notato che il sesso è l’argomento in cima alla hit parade, ultimamente poi quello omosessuale va per la maggiore.L’obiettivo è quello di essere letti, visti e conosciuti a prescindere, altrimenti non ha senso (secondo me) occupare uno spazio in rete. Ovviamente il fine è quello di fare informazione. Personalmente ho trovato il tuo post molto interessante, perché scrivo anche io, ci provo, sono ancora all’inizio e mi piace osservare l’arte altrui per metterla da parte.

    Rispondi
  7. Claudio Gagliardini

    Intanto saluto gli amici @RudyBandiera @Catepol @Antonella_Viapiana e il nostro anfitrione @Merlinox, che mi commuove con la sua commozione e, soprattutto, con la sua ferma convinzione: regola numero uno = scrivere bene, che sottoscrivo appieno.
    Sarà sufficiente, mi chiedo? Chissà, ci sto scrivendo su… 😉

    Rispondi
  8. Merlinox Autore articolo

    @antonella: beh ci mancherebbe che il sesso non fosse un elemento penetrante nelle discussioni, ancora di più se poi ne diventa una filosofia di vita. Però secondo me la conversione non è così acuta e redditizia, soprattutto sul lungo periodo.
    @claudio: cavoli sapevo di essere ingrassato, ma dell’anfitrione nessuno ancora me l’aveva dato. Sigh… dieta necessitae!

    Rispondi
  9. Antonella Viapiana

    @Merlinox “La conversione non è così acuta e redditizia soprattutto sul lungo periodo”. Quindi a prescindere dal tuo obiettivo, che non è quello di creare una nuova setta religiosa, nonostante parli di conversione acuta e redditizia, ma di far filare le sottilette, che personalmente adoro, specialmente nei toast e anche sulle uova al tegamino, fammi capire una cosa, la sottiletta deve essere light o no? Comunque ti quoto, ti stra quoto, perché se prima l’Italia era il paese di poeti e suonatori di mandolino grazie a questo post diventerà il paese di blogger.

    Rispondi
  10. Merlinox Autore articolo

    @Antonella Viapiana secondo me light fa male: se pensi alle sigarette light, a un tratto light a matita, e a un *** light… too light is bad! Poi in base alla ammintizione con cui approcci tutto campia e passa: panta rei disse il saggio, mentre “che pantàn” dissero i veneti nel ’51!

    Rispondi
  11. Antonella Viapiana

    @Merlinox
    Ora ascolta questa che è bella, mio figlio di 7 anni mi ha appena formulato questa domanda
    “Mamma, ma se due gay si sposano, i figli chi li fa?” Ti rendi conto di quanto sia avanti la generazione futura??? salvo fine del mondo nel 2012.
    Hai ragione, meglio una sottiletta bella grassa.

    Rispondi
  12. Merlinox Autore articolo

    @Antonella Viapiana si stava molto meglio quando si stava peggio e certe cose invece di risolverle con le operazioni si risolvevano nei propri muri casalinghi? ‘zzo gli rispondi adesso a tuo figlio? Ma mi pare stiamo andando OT!

    Rispondi
  13. Pingback: Scrivere bene: tutta la “scioglievolezza” di un blog post

  14. Antonella Viapiana

    @Merlinox
    certo che gli ho risposto, gli ho detto che i gay che si sposano adottano i bambini, sperando che quando sarà grande la società sia pronta a questo.
    P.S. Sono una viziosa dell’OT.
    Ho anche visto il tuo twit…lo vedi che il sesso omosessuale penetra anche quando ne parla un innocente? Ciao, chiudo i collegamenti causa impegno lavorativo coatto.

    Rispondi
  15. Daniele

    Io ho trovato il tuo post leggendo quello di Claudio su FB…

    Ok per scrivere bene, ma i contenuti sono fondamentali, altrimenti cosa scrivi? Per scrivere un buon post occorre, secondo me:

    -conoscere a fondo l’argomento (e questo implica sia l’esperienza che la documentazione)
    -saper scrivere (e questo implica un’ottima conoscenza della lingua italiana e tanto, tantissimo esercizio).

    @Antonella: Google ha indicizzato tutte le parole del dizionario 🙂
    Non farti prendere dalla smania del posizionamento. Se conosci a fondo l’argomento di cui stai scrivendo, le “parole chiave” verranno fuori da sole. L’importante è che il discorso “fili” come la sottiletta fusa 🙂

    Rispondi
  16. Rudy Bandiera

    I contenuti sono NIENTE! I post più di successo sono quelli che non dicono niente ma lo dicono con molte parole.
    Sono certo che gli esimi blogger presenti mi daranno ragione.

    Rispondi
  17. EmaWebDesign

    Sono d’accordo con il fatto che il testo deve essere ben liscio e il contenuto deve filare altrimenti si rischia di commettere un errore in partenza.

    Ma, Merlinox, ha dimenticato che, un buon contenuto, deve anche adeguarsi alle aspettative del lettore e non essere “statico” poichè il lettore, anche se in disaccordo con il blogger, deve comunque avere la possibilità di visualizzare il contenuto di cui ha bisogno e non annaspare in contenuti seo-friendly che rischiano oltretutto di confondere chi cerca di comunicare sul suddetto argomento.

    Rispondi
  18. Merlinox Autore articolo

    @EmaWebDesign sono cose per blogger startup. Online tanto ci sono fanfaloni che basta che scrivano 4 minchiate e tutti a dire “ah si…”. E cmq (tanto per tirare una riga) la blogosfera inizia a pululare di persone che ostentano il loro diritto alla libera scrittura: è giusto lasciar continuare loro a dire minchiate, o forse sarebbe corretto correggersi l’un con l’altro… come in una bella mischia di rugby?

    Rispondi
  19. EmaWebDesign

    Le mischie da rugby le eviterei ma quello che è certo è che, se trovo un blogger che ha scritto una minchiata, glielo faccio notare anche se si tratta di una “blogstar”. Poi dopo gli sto antipatico? E chissene dico io. Che c’è di più bello di essere antipatico (o scomodo fate voi) a uno che spara minchiate? 😛

    Il problema è che nessuno vuole inimicarsi un blogger, soprattutto se famoso, tutti schiavi della “ricerca della visibilità”, tutti simpatici e “amiconi” ma la realtà la conosciamo.

    Come dici tu, tutti rivendicano il diritto alla libera scrittura ed è giusto. Uno è libero di aprire un blog e anche di sparare minchiate. Anche noi siamo liberi di non seguirlo o di fargli notare che “spara minchiate” sempre con rispetto ed educazione. Facciamolo però, non nascondiamoci e condanniamo quelli che arrivano ad “applaudire” la minchiata appena sparata. Ma il risultato lo conosco, alla fine, saremo solo io e te Merlinox, fidati.

    Certo che il problema è più complesso di quello che sembra…a me vengono in mente quelli che “insegnano a comunicare” quelli che consigliano di “ascoltare” e di avere un dialogo con i lettori: poi non ascoltano, non rispondono alle e-mail, non ti rispondono sulla chat di Facebook…ma insegnano cose che stanno ancora “studiando”???

    Spero che il testo del mio commento sia abbastanza liscio 😛

    Rispondi
  20. Daniele

    Rudy Bandiera :
    I contenuti sono NIENTE! I post più di successo sono quelli che non dicono niente ma lo dicono con molte parole.
    Sono certo che gli esimi blogger presenti mi daranno ragione.

    I contenuti sono niente? Se pensi una cosa del genere, allora è meglio che lasci stare il blogging e ti dedichi ad altro. Il web è fatto di contenuti. E’ quello che stai offrendo ai tuoi lettori, non aria fritta.
    Conta anche il modo in cui scrivi, ma ci deve essere un connubio fra buona scrittura e buoni contenuti.

    Rispondi
  21. EmaWebDesign

    @Rudy Bandiera io ti consiglio uncinetto perchè puoi ottimizzarlo seo.

    Cmq, come dici tu, i contenuti sono niente ma solo se il testo è poco liscio. Se il testo è abbastanza liscio ed è filante allora il contenuto in questione è niente ma è comunque blogosferico 🙂

    Rispondi
  22. EmaWebDesign

    @Rudy Bandiera ma in realtà io ho detto molto con niente. O non hai capito o il mio testo non era abbastanza liscio 😛

    Farò più attenzione per evitare un disastro blogosferico 😛

    Rispondi
  23. Merlinox Autore articolo

    @Ema1: ahi toccato un tasto dolente, ovvero quelli dei “maestrini”. Essi si dividono spesso in due categorie: i teorici e gli arrivati. I primi sono quelli che leggono leggono leggono… ma che magari non hanno mai provato. I secondi sono quelli che dopo una gavetta sono arrivati, e dal pulpito guardano in basso.
    @Daniele1: ma non hai ancora capito? 🙂
    @Antonella1: sempre solo parole cara Befanina, vogliamo le foto!
    @Antonella2: io il buon Rudy lo vedrei bene al ricamo
    @Rudy1: sbagliato, Merlinox ha la suina, ma è ancora abbastanza vivo per prenderti in giro!
    @Antonella3: che tesoro che sei!

    Rispondi
  24. giovanna

    Mi piace questo articolo, ma una cosa non mi è chiara: come faccio a capire se scrivo dei post buoni e filanti???. Ho un blog nuovo, mi informo, leggo, cerco…scrivo e riscrivo…però ricevo pochi commenti e ancora poche visite! A volte mi demoralizzo altre volte mi basta un complimento per trovare linfa nuova! Insomma come si giudica un blog ben scritto e non banale?. Io parlo di cani…mi sorge il dubbio che scriva anche da cane!!!

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Mi sa che stai parlando troppo seriamente, dato il tono del post. Però prometto che il prossimo post è dedicato a te! E sarà serio!

      Rispondi
  25. Pingback: Scrivere un bel post (serio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *