Parole chiave: scrivere bene

Writing samples: Parker 75 da churl. Scrivere un bel post per il web oggi non è più solo un lavoro di creatività. E' pressochè necessario avere le capacità di scrivere in un italiano corretto e che piaccia a google. Questo significa "scrivere per il web". Evitare ripetizioni forzate e allo stesso tempo riuscire a coniugare la densità di presenza delle parole chiave con la leggibilità dei testi.

Interessanti spunti per come scrivere per il web potete trovarli in questi siti:

Per quanto riguarda invece le parole chiave fondamentalmente, come altro seo insegna, gli strumenti a nostra disposizione sono un paio, dal momento che ormai Google ha raggiunto un livello di popolarità tale da essere considerato de facto monopolista. Sono i seguenti: google keywords tool external, google insight e google trends.

Vediamo insieme come affrontare una scelta "veloce" di parole chiave usando i due gioielli di google. Non considerate queste poche istruzioni una bibbia sul come scrivere SEO per il web, è solo un punto di partenza. A monte, per avere un lavoro SEO / Writing professionale, ci sono più complessi studi su obiettivi, target e programmazione delle parole chiave stesse e della campagna di internet marketing. Ne volete sapere di più? Rompete le scatole al buon Sbrana, via Web o Twitter 🙂

[ad name=”postintra”]

 

Come usare Google Keyword and Trends

Supponiamo di voler scrivere un post sul tema "Polesine". Raccogliamo le idee sul tipo di articolo che vogliamo fare. Ad esempio decidiamo che l'articolo deve parlare delle usanze culinare polesane: i piatti tipici, i gusti e profumi, le modalità di cucinare e le ricette tipiche polesane.

Apriamo google keywords tool external e iniziamo ad inserire nel box tutte le parole (frasi) chiave che ci vengono in mente per l'argomento, una per riga. Io ho inserito, senza pensarci troppo…:

polesine, ricette polesane, cucina polesana, fiume po, rovigo, cultura polesana, alimentazione in polesine, delta del po

Le parole le ho convertite da una per riga, in separate con la virgola con il mio Keywords List Converter.

Ora si passa alla fase di selezione delle parole chiave. Le proposte di ordinamento che da GKTE sono: per CPC (costo per click), per Concorrenze, per volume di ricerca mensile (luglio), per volume di ricerca globale. Ci sono anche altre colonne disponibili, per ora vediamo queste.

Se il mio sito è ben visitato e indicizzato, magari potrei puntare a scrivere un articolo cercando di ottimizzare il guadagno. Ordiniamo quindi le parole chiave proposte per CPC decrescente e selezioniamo le parole chiave più attinenti, con il maggior potenziale economico e magari la minor concorrenza. Io ho scelto:

fiume po, rovigo, delta del po, adige rovigo, cucina polesana

A questo punto verifichiamo con Google Trends (solo fino a 5 parole insieme) o Google Insight i riscontri delle parole chiave con le ricerche dei navigatori. Inseriamo le parole separate da virgola nel box di inserimento, selezioniamo quindi la regione di nostro interesse (target) e il periodo di analisi.

Scopriamo quindi che le parole sulle quali è consigliato spingere sono, nell'ordine:

rovigo, fiume po, delta del po, cucina polesana

Non ci resta che scrivere l'articolo, cercando di ottimizzare la densità delle parole chiave. Ricordatevi però di non condizionare la leggibilità e la qualità dell'articolo per le parole chiave!

 

Densità keyword

Terminato l'articolo possiamo testare la densità delle parole chiave usando alcuni strumenti che sono disponibili gratuitamente online. Quasi tutti quelli che potete trovare cercando nei motori analizzano delle URL. Mentre tagcrowd permette di incollarvi direttamente il testo.

Permette inoltre di settare la lingua per il testo d'analizzare ed alcune opzioni per filtri e modalità di visualizzazione dei risultati.

In ogni caso ricordatevi che altre utili indicazioni le trovate su Blogger Italiani 2.0: densità keyword!

Non dimenticatevi poi di effettuare una verifica, sempre con Google Keyword Tool, direttamente della vostra pagina online. O magari fatela con qualche altro Density Tool online.

 

Conclusione

Conclusione? No… non ne ho più voglia! Anzi fatemela voi nei commenti, per cortesia. L'unica cosa che posso dirvi è che non c'è una regola nella scrittura. Priorità massima deve essere data a qualità dei contenuti e qualità dell'esposizione. Il resto è tutta roba in più! XD!

Loading Facebook Comments ...

5 pensieri su “Parole chiave: scrivere bene

  1. Pingback: ZicZac.it, clicca qui e vota questo articolo!

  2. claudio

    il tuo discorso non fa una piega, neanche il più bravo e multilingue SEO potrebbe far crescere di posizione un testo scritto male, poco interessante o con frasi e citazioni copiate da altri.
    quello che conta è l’originalità e autorevolezza dei testi, la competenza sull’argomento trattato e che vengano rispettate ortografia e grammatica.
    I “controlli” qualità dei motori di ricerca sono sempre più “sottili” ed è un bene che sia così altrimenti i furbi e i ricercatori di scorciatoie affosserebbero il web.

    Rispondi
  3. Merlinox Autore articolo

    Grazie @claudio del tuo commento. Hai capito pienamente il senso del mio articolo. Non è un vademecum su come scrivere, ma una serie di indicazioni.
    Alla fine le regole di Google non le sa nessuno, al più di chi le detta o le scrive: per il resto conviente avere un atteggiamento “umile”, del tipo “faccio il possibile per essere tuo amico e non farti dispetti”.
    I motori ormai sono sempre meno sintattici e sempre più semantici: penso che la ricchezza del linguaggio e la qualità dei testi stia iniziando a diventare importante, sicuramente più di un blogroll.

    Rispondi
  4. Pingback: Wordpress: guida autore

  5. Pingback: √ » Gli argomenti da trattare su un blog aziendale | web marketing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *