Risotto internazionale del capitano

Cliccare per ingrandire

Premessa

Un risotto internazionale, non perchè la ricetta venga da chissà dove, ma perchè la sua costruzione è basata su usanze e riferimenti a paesi diversi: ben 3!

I paesi (zone) sono il Trentino, Rovigo e Cuba.

 

 

Ingredienti per 4 persone

  • 1 cipolla (non troppo grande)
  • spek
  • Capitan Pipa (prodotto dalla ditta Morelli di Lendinara)
  • olio extra vergine di oliva
  • formaggio grana

 

Preparazione

La preparazione è identica a quella di tutti i risotti standard. Al massimo leggetevi quella del risotto porcello al radicchio.

Dopo aver fatto dorare la cipolla, aggiungere lo spek e farlo rosolare un pochino. Io l’ho tagliato a cubetti molto fini ma poi va veramente a gusti. Se lo spek è molto stagionato farlo ammorbidire maggiormente facendolo saltare un po’ di più nell’olio d’oliva.

 

Abbassiamo al massimo il gas e versiamo con cautela il Capitan Pipa. Attenzione che se l’olio è troppo caldo rischiate di fare schizzi fino al soffitto. Facciamo quindi svanire il liquore, aggiungiamo il riso e procediamo come un normale risotto.

 

Al termine della cottura del risotto, circa 20 minuti, spegnere il gas, aggiungere un po’ di Capitan Pipa. Se non volete che il risotto sia troppo dolce o alcolico aggiungere il liquore prima di spengere il gas e farlo evaporare un po’ (degustibus non …). Quindi aggiungere abbondante grana, un filo d’olio d’oliva. Mescolare il tutto e lasciarlo riposare qualche minuto coperto da uno straccio.

 

Buon appetito!

 

 

Paesi e riferimenti culturali

Trentino: la patria dello spek, ma soprattutto la patria del pane nero all’anice con lo spek. Il Capitan Pipa è aromatizzato all’anice.

Veneto-Rovigo: il Capitan Pipa è prodotto dalla ditta Morelli di Lendinara (RO).

Cuba: il Capitan Pipa è su base RUM, la bevanda principale di Cuba!

 

p.s.: ho scoperto oggi che lo si trova pure su ebay il Capitan Pipa 🙂

Loading Facebook Comments ...

2 pensieri su “Risotto internazionale del capitano

  1. Merlinox

    Come si dice. Fare di necessità virtù!
    Ho sempre amato la cucina ma a casa con mammà non avevo modo di sperimentare. Mai!
    Fammi sapere poi se ti è piaciuta e okkio alle dosi di Capitano!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *