RIS, CSI e le utopie informatiche

Io amo molto le fiction, in modo particolare quelle poliziesche: RIS, CSI, … insomma me le guardo tutte quando riesco. Allo stesso tempo amo molto anche ritoccare foto e fare grafica. Ho anche avuto la fortuna di lavorare assieme a esperti nel fotoritocco personale e vedere le magie che riescono a fare.

Ci sono cose però che l’ingegnere che è in me proprio non riesce a sopportare ed è giusto che la gente sappia che nell’informatica moderna certe cose non si possono assolutamente fare.

 

Ridimensionamento estremo

[ad name=”postdx”]Ci sono programmi di fotoritocco che permettono di ingrandire le immagini di qualche unità percentuale, con una minima perdita di qualità. Da Photoshop ai programmi professionali di photo resizing passando per i programmi fotoritocco freeware… provateli tutti, ma nessuno sarà in grado di partire da una piccola foto e generarvi il dettaglio di un particolare!

L’ingrandimento di una foto digitale avviene tramite degli algoritmi matematici che aggiungono pixel alla vostra immagine in base a meri calcoli statistici e interpolazioni. E in quanto statistici non rappresentano la realtà e non sono in grado di genera ottimamente una nuova immagine. Partiamo subito con un esempio grafico. Programma usato Fireworks CS2, modella: Belen Rodriguez (grazie delle disponibilità…).


– Ingrandisci l’immagini per capire meglio e vedere la perdità di qualità –

Magie da indovini

La cosa però che proprio mi ha fatto imbizzarrire è successa però nella puntata di RIS di ieri sera (13 gennario 2008). Una ragazza concede una intervista al TG5, ma le viene celato il volto con un filtro, per la privacy. I mitici tecnici del reparto scientifico dei carabinieri sono riusciti a ricreare il volto originale.

Ora vi faccio un esempio di come appariva il volto della ragazza in TV (ricordo che la definizione è 720×576 pixel) e poi mi dite come possono avere fatto… in base alla realtà con quel tipo di filtro lì la ragazza avrebbe potuto avere i baffi, gli occhi strabici, il labbro leporino e il naso deviato!

Nell’esempio il filtro usato è Effetto Pixel > Mosaico di Photoshop CS2. La modella… beh quella l’avete riconosciuta sicuramente, ma non dal volto (Denise Milani).

Cosa ne dite? Avete capito adesso quante cavolate ci propinano??? E mi fermo qui perchè potrei continuare con altri mille esempi di mere invenzioni cinematografiche, purtroppo passate come reali. Tecnologiche e non… tipo che il RIS si muove in città con la pistola, ma quando mai. Ve lo vedete il mega ingegnere Nerd che sfonda una porta con la spalla? Con tutto il rispetto ma ognuno ha i propri ruoli.

Il mio? Rompere le palle 🙂

Loading Facebook Comments ...

18 pensieri su “RIS, CSI e le utopie informatiche

  1. Louis

    Forte! effettivamente ce ne propinano un po’ troppe di fesserie!
    Complimenti sopratutto per la scelta delle testimonial !! di questo interessante post.

    Rispondi
  2. psikokite

    Infatti ieri sera vedendo la prima puntata di R.I.S. alcune volte mi veniva un fastidioso prurito alle mani, quando mandavano in onda cose del genere.A partire dai s.o. assurdi e robaccia varia. Addirittura il tipo ha detto che dalla garanzia riusciva a ricavare il codice del PROCESSORE (forse intendeva mac address???) così che appena si fosse connesso ad internet o ad una qualsiasi rete wifi l’avrebbro rintracciato attraverso la microcella della zona. Bah.

    Rispondi
  3. Merlinox Autore articolo

    [OT] E la scena dove in 3 barche corrono dietro alla barchetta a vela. Alla fine di 50 persone accorse solo il Capitano si tuffa e l’uomo lo lasciano annegare???

    Rispondi
  4. TizioIncognito

    Anch’io ho sempre notato questi effetti, il fatto assurdo è che li mettono anche in film che vorrebbero essere seri come CSI o NCIS dove citano sempre strumenti scientifici all’avanguardia.

    Rispondi
  5. antonio

    Fiction, si chiama Fiction… Chiunque abbia studiato per diventare sceneggiatore, sa bene che non bisogna saper raccontare la realtà, quanto piuttosto, creare la cosa più spettacolare anche se meno plausibile. E’ poi in questo ambiente gira un detto che fa più o meno così: un film quanto più è veritiero tanto più ti sta prendendo per il culo.

    Rispondi
  6. Merlinox Autore articolo

    @antonio: interessante punto di vista, il problema però è che trovi gente convinta che quelle cose si possano fare. E poi sono ‘zzi nostri!!!

    Rispondi
  7. antonio

    Certo Merlinox,

    però vedi, noi siamo in grado di giudicare le castronerie informatiche perchè conosciamo l’argomento, ma sai quante altre puttanate ci rifila per esempio Dr. House con la medicina, oppure, chessò io, anche film blasonati e di registi importanti come il “Gladiatore”, per esempio, distorcendo la storia a favore della sceneggiatura ?… Il Cinema nasce per incantare e meravigliare; quello di hollywood nasce invece a tavolino e serve per intrattenere lo spettatore facendogli credere che la sua vita sia meno grigia e che la società in cui vive sia l’unico modello possibile… sbagliato!… ma è tutta l’arte che c’è dietro che, se vogliamo, è sbagliata: allora guardatevi i film d’autore, vi fate si due palle, però poi nessuno si lamenterà più perchè quel tizio con un tasto è riuscito a zoomare il volto di un malvivente a 2km di distanza ripreso con una videocapera da 1MegaPixel ;)… ciao.

    Rispondi
  8. nickel

    eheh in effetti un blog sugli errori e le bagianaggini cinematografiche ci starebbe bene 😛

    che dire anche se li notiamo bisogna ammettere che molte volte si guardano perchè si ha tempo da perdere o ci si vuole rilassare con cose più soft.. 😐

    ciao

    @antonio bhè 1megapixel non è poco .. ehm ehm .. ok ok la smetto 😀

    @merlinox non so come ma avevo riconosciuto Denise Milani 😉

    Rispondi
  9. DoZ

    Una volta ho visto un film “catastrofico” in cui c’era un incendio in una centrale nucleare, quindi andavano i pompieri a riempire le vasche di acqua pesante (che stava evaporando) con le cisterne di acqua normale, finché uno ha detto “non si può fare: l’acqua sta evaporando più in fretta di quanto noi ne mettiamo dentro”. Tra l’altro, mentre i pompieri avevano una tuta termica, c’era gente che andava in giro in camicia.
    L’unica cosa che si può dire per chiudere il discorso è: la TV (e non sto dicendo ‘la fiction’) è fatta per chi non vuole stare attento alle cose (e chi ha orecchie per intendere…)

    Rispondi
  10. Merlinox Autore articolo

    @DoZ: comunque secondo me noi italiani ci si distingue sempre a livello di esagerazione. Prendi anche come esempio “uomini & donne”. Siamo un po’ OT ma non ditemi che esistono persone così idiote al mondo!

    Rispondi
  11. nickel

    Secondo me esistono e – anzi – sono di più di quanto si pensi. In fin dei conti non avrebbe senso trasmissioni del genere se non portassero profitto.. certo non si può fare di tutto un fascio (e meno male) ma è innegabile che chi lavora coi giovani trovi spesso differenze radicali di pensiero davvero radicali (a volte va bene se il pensiero c’è :P)

    Rispondi
  12. Merlinox Autore articolo

    @Nickel: apriamo un blog multimano per denunciare tutte le minchiate in tivvù? O magari anche un forum diviso per categorie 🙂

    Rispondi
  13. nickel

    il blog con più autori mi son sempre piaciuti, più punti di vista e soprattutto è divertente, possiamo anche parlarne più in maniera approfondita se ti va.. non necessariamente solo sulla tv…la mia email la trovi sul mio blog 🙂

    ciao

    Rispondi
  14. Merlinox Autore articolo

    @nickel: il problema maggiore è sempre la variabile tempo. Io penso di essere al 110% del suo utilizzo… nel senso che non ne ho proprio più. Forse un forum potrebbe essere una idea più facile.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *