Qualche settimana fa scrissi un post intitolato “Rai mi fai schifo” dove esprimevo il mio totale dissenso sulle modalità pubblicitarie del sito Rai.tv. L’eco del post è stato imprevisto: migliaia di accessi e molto rumore in ogni social network. Nessuna voce fuori dal coro: la situazione era realmente indecente. Per questo decisi di scrivere al Garante: Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

Il Garante – come sempre – il 30 dicembre mi risponde. La lettera (raccomandata AR) è pervenuta solo oggi a Padova: le Poste Italiane sono un ottimo servizio…

Il risultato è quello riportato nell’immagine e riassunto in queste frasi:

  • ha valutato i fatti denunciati e ha riscontrato che agli stessi non è applicabile il D. lgs. 145/2007 recante la disciplina rivolta a tutelare i professionisti dalla pubblicità ingannevole
  • non sono ravvisabili pratiche o comportamenti anche potenzialmente lesivi degli interessi dei consumatori
  • gli utenti, infatti, non sostengono alcun costo ed appare possibile la presenza di spazi pubblicitari
  • gli spot pubblicitari, che appaiono sui monitor virtuali appena effettuato l’accesso, sono accompagnati da un’indicazione relativa alla durata del messaggio pubblicitario che consente all’utente di verificare il tempo necessario per accedere al programma che intende visionare

Insomma abbiamo tutti cannato su tutta la linea. Purtroppo però non è stato in alcun modo citato che tali pubblicità appaiono improvvisamente dopo l’apparizione sugli schermi virtuali delle immagini del “programma” da trasmettere: come denunciato.

In ogni caso si parla di acqua passata: il sito Rai.tv è infatti stato aggiornato (qualcuno sa da quando?). In homepage non ci sono più le pubblicità sui monitor virtuali e la pubblicità avviene prima di uno streaming singolo, come comunque è giusto che avvenga.

Sul fatto poi che la RAI è un servizio pubblico e che sul sito non si paghi, la ritengo una cosa molto indiretta.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *