Proxy casalingo

Eva Kant: la più sexy ladra della storiaFedelissimi lettori delle soluzioni di facebook proxy, oggi vi propongo un trucchetto di una ignoranza estrema. Volete accedere ad un sito bloccato dalla vostro "sistemi informativi" ma non avete la possibilità di usare programmi di proxying, tunneling o siti omologhi? Beh se siete fortunati questo trucco può aiutarvi.

Condizioni necessarie:

  • abbiate i diritti per scrivere dentro al file HOSTS (C:\WINDOWS\system32\drivers\etc\hosts)
  • il sito che dove raggiungere non ha impostato gli header nel web server, nè redirect
  • l'ip / gli ip del sito non siano bloccati nominalmente dal sistema di sicurezza

Per i meno addetti ai lavori cerca di tradurre. Il file HOSTS è un file nel vostro pc che fa da DNS, ovvero è il primo "elenco telefonico" che viene interrogato per tradurre il nome di un dominio in un indirizzo IP (es: 154.234.100.12).

Per quanto riguarda i web server, ogni volta che su un server create un sito, dovete configurarlo all'interno di un "programma" chiamato web server, che si occupa di rispondere alle richieste dei navigatori, condividendo dei dati presenti all'interno di una cartella. Nella configurazione potete impostare (tra le varie cose) che un sito accetti gli accessi solamente in base all'IP e che se ne freghi dell'header, ovvero del dominio (possiamo avere più siti con domini diversi con lo stesso IP!). Questo si traduce nella possibilità di accedere ad un sito anche col suo indirizzo IP sulla barra degli indirizzi del browser, ed è proprio la corda a cui si aggrappa questa soluzione artigianale.

A questo punto, spero di essere stato sufficientemente chiaro, non vi resta che provare la vostra soluzione:

  1. Aprite un prompt di DOS (cmd.exe) e verificate l'IP del sito bannato, con il seguente comando: ping www.sitobloccatodalsii.it
  2. Inserite l'ip nel browser e verificate che si riesca ad accedere al sito e navigare, senza redirect alcuno. Funziona? Bene… procediamo al punto 3.
  3. Aprite il file HOSTS e inserite una nuova riga con; l'indirizzo IP, una spazia col TAB e  il vostro nome a dominio personalizzato. Il risultato è più o meno questo: 
    127.0.0.1 ilVostroDominioNuovo
  4. Salvate il file e provate a scrivere sulla barra degli indirizzi il "vostro dominio":
    http://ilVostroDominioNuovo

Sono stato abbastanza chiaro? Siete stati sufficientemente preoccupati? Vi ricordo che se infrangete regole aziendali io non ho alcuna responsabilità. Ho solo dimostrato cosa si può fare con strumenti legali… ignavamente parlando! Dedico questo post ad un amico, nickname Satana, che potrà tornare ad ammirare il suo sito preferito!!!

ps: uno dei siti più caldi della rete, di video steraming, funziona perfettamente, ma non vi dico quale 🙂

Loading Facebook Comments ...

21 pensieri su “Proxy casalingo

  1. Teddy

    Ciao scusa ma io quando visualizzo i file host mi compaiono come icone ma non so con che programma aprirli per poi modificarli, ovvero aggiungere la riga.. ho capito solo che hanno come estensione .sam Che devo fare? aiuto!!

    Rispondi
  2. Merlinox Autore articolo

    Chiaramente @Teddy stai usando windows vero? Il file hosts non ha estensione, e lo apri con qualsiasi editor di testo: dal notepad classico (blocco note di windows), al più potente notepad++.

    Rispondi
  3. Teddy

    sì esatto sto usando windows..xp professional di preciso. Ma quando faccio per aprirlo come dici tu con il notepad mi scrive questo è un esempio di file ecc.. ma quindi dove devo scrivere questa riga? apriti un file di quelli così hai sott’occhio cosa scrive e dimmi…

    Rispondi
  4. Merlinox Autore articolo

    Ecco

    # Copyright (c) 1993-2009 Microsoft Corp.
    #
    # This is a sample HOSTS file used by Microsoft TCP/IP for Windows.
    #
    # This file contains the mappings of IP addresses to host names. Each
    # entry should be kept on an individual line. The IP address should
    # be placed in the first column followed by the corresponding host name.
    # The IP address and the host name should be separated by at least one
    # space.
    #
    # Additionally, comments (such as these) may be inserted on individual
    # lines or following the machine name denoted by a ‘#’ symbol.
    #
    # For example:
    #
    # 102.54.94.97 rhino.acme.com # source server
    # 38.25.63.10 x.acme.com # x client host

    # localhost name resolution is handled within DNS itself.
    # 127.0.0.1 localhost
    # ::1 localhost
    127.0.0.1 ciccio
    192.168.0.154 bargiggio

    Le linee con # all’inizio significa che sono commentate. Cmq datti una letta qui:
    http://www.dotnethell.it/tips/WindowsHosts.aspx

    Rispondi
  5. Teddy

    Aspetta…vediamo se comincio a capirci.. io ho aperto con il notepad il file hosts che ho trovato dentro la cartella etc.. Al fondo dello scritto mi dà un indirizzo ip con scritto localhost. è sotto questa riga che devo fare quel che tu suggerivi? ovvero, se ho ben capito inserire come IP quello che ho ottenuto “interrogando” il promp di dos come dicevi nei punti 1 e 2 della tua spiegazione..e il nome dominio me lo invento?

    Rispondi
  6. Teddy

    scusa eh non sono tanto pratica.. quindi non basta che scriva la riga devo anche aggiungere i simboli identici a come hai scritto tu? perché io ho solo questo come riga nel file 127.0.0.1 localhost ma non ho simboli davanti o la riga dopo che hai te con scritto 1 localhost

    Rispondi
  7. Teddy

    Ho provato ma non so cosa sbaglio…
    Allora io ho solo questa riga a fondo documento di testo:
    127.0.0.1 localhost (sotto ho scritto l’indirizzo ip che ho ottenuto prima es)
    66.125.761.22 gianna

    Questo è un esempio fittizio ma ho scritto esattamente con questo ordine..dovevo metter parentesi, simboli o cose particolari?

    Rispondi
  8. Merlinox Autore articolo

    allora il # a inizio riga indica che la riga non viene letta = commento.
    per il resto non serve altro, ovvero:
    IP (tab) Nome

    Rispondi
  9. Teddy

    Ma quindi il cancelletto lo devo inserire oppure no? perché quando faccio la prova con l’IP ottenuto digitandolo come al punto 2 funziona quindi l’ip è giusto. In particolare per facebook..però anche lì quando poi faccio per accedere a facebook non riesco, intendo..se digitassi solo l’ip nella barra degli indirizzi mi manda su facebook e fino qui ok. Ma è normale che senza se poi faccio per andare avanti nn funzioni?

    Rispondi
  10. Merlinox Autore articolo

    @Teddy non ho capito nulla di quello che hai scritto. A parte il fatto che non hai capito che il # è il simbolo di commento di riga.
    Per quanto riguarda usare questo metodo per Facebook spesso e volentieri non funziona.

    Rispondi
  11. Teddy

    sì ora ho capito tutto infatti mi indirizzerebbe su facebook solo che poi non riesco ad andare avanti perché mi dà errore nella connessione.. Ho visto dei tuoi post in cui parlavi di facebook proxy ma pure lì..a me non funziona..nel caso avessero bloccato nn l’indirizzo del sito ma proprio i siti con la parola facebook come si potrebbe ovviare?

    Rispondi
  12. Teddy

    Sì ma sbaglio oppure occorre installarlo? il fatto è che è un pc aziendale e dove lo metto perché nn sia visibile?

    Rispondi
  13. Teddy

    Eppure sono andata sul sito attraverso il tuo link che avevi messo..e lì mette installa…??? dove devo andare su quel sito allora?

    Rispondi
  14. Teddy

    ahah pensati che io sono praticante commercialista quindi la fattura calza a pennello ahah Comunque da quel che ho capito basta lanciarlo sul pc come eseguibile e basta …e questo ogni volta che mi serve per non installarlo?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *