Loading Facebook Comments ...

11 pensieri su “Non Logo: da non fare

  1. Francesco Gavello

    Mi capitò diverso tempo fa di osservare la seguente scenetta: signora che arrivata in agenzia chiedeva a gran voce di poter “noleggiare” un grafico per un paio di ore per la progettazione, studio e rilascio del nuovo logo di una sua qualche iniziativa.

    E hai voglia a spiegarle che non si trattava di una questione puramente meccanica, che richiedeva perlomeno uno studio del brand da supportare e cose così.

    Il fatto è che sempre più gente realizza l’importanza di un buon logo (anche solo per essere in linea con i competitors) ma ancora pochissimi danno il giusto peso al lavoro che ad un buon logo sta dietro.

    Rispondi
  2. Merlinox Autore articolo

    @Francesco: secondo me dobbiamo sempre dimostrare la nostra professionalità. Ma a un certo punto diamo ai poveri ciò che desiderano… l’importante è che dopo non si sappia chi l’ha fatto.

    Rispondi
  3. Gioxx

    Tanto per dire: in linea di massima posso essere d’accordo con te. Ti porto però un caso che distrugge completamente la tua “teoria”: per il logo UFFICIALE di Mozilla Italia abbiamo lanciato un contest giusto un annetto fa (circa, giorno più o giorno meno). Una miriade di proposte arrivate, alcune davvero spettacolari, abbiamo scelto quella che più si addiceva a noi, ne andiamo particolarmente fieri, ecco quindi che vengono a mancare automaticamente punto 1 e punto 2, con tutti gli altri a far compagnia 😛

    Rispondi
  4. Merlinox Autore articolo

    @Gioxx: chiaramente sono regole di massima. Il tuo esempio però secondo me riporta il focus su una realtà diversa. Se parli di Mozilla Italia ti rivolgi a persone comunque pienamente consapevoli del contesto e delle esigenze del progetto. O no?

    Rispondi
  5. Gioxx

    Assolutamente si, infatti ho detto che le tue idee erano sicuramente applicabili “in generale”, contrariamente ad alcuni casi specifici come quello da me raccontato! 😉

    Rispondi
  6. Merlinox Autore articolo

    @Gioxx: condivido quasi pienamente tutti i punti, purtroppo però non sono farina del mio sacco, ma interpretazione dell’articolo citato.
    Tale articolo mi ha colpito perchè è parecchio ironico e “esagerato”: una fantastica tecnica per creare discussione.

    In ogni caso si parla spesso di studio logo e ore e ore di analisi, ma capita spesso che un logo nasca assolutamente per caso e sia “buona la prima”.

    Rispondi
  7. Pingback: Guida alla creazione di un non-logo | Italian webdesign

  8. Pingback: Biglietti da visita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *