NIC, Italia, Sviluppo

NIC - errori e arretratezzaPiù volte, specie sui social network, ho cercato di denunciare come il nostro paese Italia sia in uno stato di arretratezza paurosa.

Non basta che una percentuale altissima del nostro territorio è priva di ADSL (e telefono), a causa di un monopolio Telecom tutt’ora in vigore: Digital Divide Impera!

Non basta nemmeno che ora abbiamo Agenda Digitale che promette linee internet per tutti entro il 2020, a velocità che il resto del mondo ha già da mesi, se non addirittura anni.

L’obiettivo fissato per il 2020 è quello di una connessione da 30Mbps per la totalità dei cittadini, il tutto con almeno metà della popolazione capace di navigare a 100Mbps. Il tutto con uno step intermedio: entro il 2013 tutti i cittadini debbono avere almeno una connessione broadband basilare. […] http://www.webnews.it…

Fino al 29 settembre 2009 gli italiani per registrare domini .it erano costretti ancora ad inviare il fax. Parliamo dell’altro ieri, quando con 3 click si registrava un .com in pochi minuto.

Ad oggi la novità che “I domini .it varcano i confini dell’Unione europea e mettono l’accento.”. Personalmente la trovo una cavolata pazzesca, senza contare l’immensa confusione tra lettere è ed é, eterno dilemma degli italiani. Avevate bisogno di fare cassa? Beh se l’idea era quella magari avete fatto bene, in tanti oggi hanno cercato di accaparrarsi il dominio con gli accenti, nella speranza di quella frontiera chiamata exact match terra amata da molti SEO. Veramente qualcuno sentiva l’esigenza dei domini con l’accento???

Chiudo con una chicca, che testimonia ancora una volta l’ignoranza e la pressapochezza con cui le istituzioni lavorano in Italia. Guardate l’immagine: al link “leggi il comunicato stampa” è allegato un .mp4, un video, un video da più di 9 mega… bah io un po’ me ne vergogno!

Loading Facebook Comments ...

5 pensieri su “NIC, Italia, Sviluppo

  1. Alessandro

    Posso aggiungere che il sito de NIC è INACCESSIBILE senza il www davanti?
    Nemmeno un redirect son stati capaci di fare…. è abbastanza vergognoso.

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Io ricordo ancora le battaglie per il fax. Loro parlavano di sicurezza, io ricordo montagne di fax con qualsiasi tipo di firma…

      Rispondi
      1. Teju

        …e vogliamo parlare dello sbattimento prodotto da un “semplice” spostamento di dominio??
        Occorrevano 27’000 fax, sperando di azzeccare ciò che ci andava scritto!!

        Rispondi
  2. 0disse0

    l’ente in questione è un ente pubblico o sbaglio ? Ci si domanda da dove iniziare a tagliare? La risposta è sotto gli occhi di tutti…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *