Mi copiano il sito: cosa fare?

Sul Google Forum per Webmaster una delle domande più ricorrenti è: cosa fare se qualcuno mi copia il sito? Giusto qualche settimana fa scrissi “Cloni e Google fail” dove racconto una esperienza diretta di clonazione. Ma avevo scritto anche altri articoli simili.

Purtroppo la realtà è che tutte le clausole che mettete nel vostro sito, al fine pratico / efficienza, sono inutili. Non che siano inutili ai fini legali, ma sono inutili perché se qualcuno vuole insistere nella clonazione, le clausole non vi aiutano a farlo smettere. Non travisate le mie parole: metterle è utile ed è una indicazione per chi ci legge su come deve trattare i nostri dati!

Detto questo procediamo a capire cosa praticamente si può fare. L’iter – che suggerisco io – è (chi copia da ora lo chiamiamo COPIOLO!):

(prima di tutto salvatevi degli screenshot delle SERP coinvolte e delle pagine del sito di COPIOLO e del vostro!!!)

  1. Contattare COPIOLO e gentilmente richiedere la rimozione dei contenuti: sempre meglio dare un termine di tempo entro il quale farlo e indicare che altrimenti si percorrono altre strade.
    Ma sempre gentilmente: un bel “scusi del disturbo” all’inizio e un “grazie” alla fine.
    Per trovare i contatti, se non esposti nel sito, si possono usare servizi di WHOIS LOOKUP indicando il dominio. Trovata la email si può fare una verifica anche usando su Google questa query:
    site:whois.pho.to +<email>
  2. Segnalare a Google che un sito presente nelle sue SERP sta copiando i nostri contenuti:
  3. Segnalare la violazione al gestore dell’hosting di COPIOLO e – perchè no – anche al gestore del dominio (se .it il NIC risponderà che non è compito loro!). Per conoscere l’hosting verificare tramite l’IP sempre con servizi di WHOIS LOOKUP indicati al punto 1.
  4. Denuncia DMCA, ovvero la richiesta di rimozione di tali contenuti er la Digital Millennium Copyright Act.
  5. Se il sito ha pubblicità ADSense è possibile segnalare la violazione tramite questo form:
    https://www.google.com/adsense/support/bin/request.py?contact=violation_report

Se il punto 1, poi il 2, poi il 3 e quindi il 4 non hanno risolto la situazione, si può procedere nei seguenti modi:

  • Si fa un post / un comunicato stampa dove si chiarisce pubblicamente la situazione problematica in corso. Se COPIOLO importa gli articoli in automatico se lo ritroverà nelle sue pagine. Magari qualche screenshot aiuta.
  • Se è un’azienda italiana si può provare a rivolgersi alla CCIAA di competenza. Per trovare info sull’azienda si può usare il sito di Info Camere.
  • Affidare la pratica ad un avvocato: lettera di avviso ed eventuale minaccia di denuncia all’organo competente, solitamente è la polizia postale

Se avete altre idee e proposte, le ospito volentieri!

Loading Facebook Comments ...

34 pensieri su “Mi copiano il sito: cosa fare?

  1. Davide Riboli

    Ciao Merlinox,

    articolo molto interessante, come sempre. Particolari idee da aggiungere non ne ho, però vorrei evidenziare un po’ di più la questione delle eventuali clausole.

    Se è vero che averle non aiuta a bloccare le clonazioni è anche vero che non averle può complicare di parecchio la vita in caso di contenziosi legali nazionali o -peggio – internazionali.

    E siccome averle è assai meglio che non averle, è meglio averle fatte molto bene.

    Oggi esistono diversi sistemi per registrare la proprietà intellettuale delle proprie opere e gestirne i diritti di diffusione in maniera “granulare”; primo fra tutti, ma non certo unico, CreativeCommons.

    Creare una “licenza d’uso” ben ragionata e ben fatta non richiede tanto tempo e può rivelarsi assai utile in futuro.

    Come per le caramelle: non basta, ma aiuta.

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Si si assolutamente. Anche se è vero che un sito privo di clausole comunque ha ogni diritto sui contenuti: su questo non ci deve piovere! http://www.siae.it/Faq_siae.asp#doc

      Ok per la Creative Commons, ma ripeto sono utilissime ma tutte cose che vengono buone davanti ad una giuria. In Italia lo devi tradurre in anni-soldi-anni-soldi-anni-soldi-anni-soldi-anni-soldi-anni-soldi-anni-soldi-…

      Rispondi
  2. PalleQuadre

    Bellissimo articolo.
    E’ capitato pure a me di venir copiato, quando il mio bloggerello aveva appena un mesetto di vita, figuriamoci siti molto grossi…

    Rispondi
      1. Carlo

        Hai ragione caro Merlinox ( qualche era fa ci scambiammo alcuni post in merito alla NIC italiania).

        Geniale davvero geniale il tuo suggerimento
        ■ Si fa un post / un comunicato stampa dove si chiarisce pubblicamente la situazione problematica in corso. Se COPIOLO importa gli articoli in automatico se lo ritroverà nelle sue pagine.
        Cazzo c’ ho un COPIOLO che fa il finto tonto che usa gli excerpt dei miei RSS senza però nè linkandolo all’ articolo fonte ne tantomeno al sito base.

        L’ ho già contattao due volte senza ottere risposta magari lo sputtano con quel metodo li faccio un titolo ad hoc con una sintetica introduzione in cui spiego che il sito in questione usa i contenuti altrui solo per attirare visitatori ahahah CHE FIGURACCIA e che sputtanamento dato che poi pubblica automaticamentegli RSS forse presi da qualche aggregatore ehehehe….

        Grazie

        Ciao

        Rispondi
          1. Carlo

            Hai ragione…non ne vale la pena…da solo fastidio che usa questo aggregatore semplicemente per fare qualche visitatore in più ai suoi siti che piazza nel blog roll: demente.

            PS Cancella il post che ti ho lasciato prima di questo: debbo essere diventato cieco :)))

            Rispondi
  3. Pingback: Contenuti duplicati

  4. Pingback: Cosa faccio se mi copiano il sito? | Italian webdesign

    1. Merlinox Autore articolo

      Nel tuo blog specifichi in che modo chi ripropone la tua opera deve “attribuirti la paternità”, come definito nella tua CC? Inotre la tua CC è NON_COMMERCIAL: ciò significa che se chi usa il tuo materiale ha anche solo ADSENSE sta violando le regole.

      Rispondi
  5. Giovanni

    grazie ! non sapevo a chi e cosa fare !
    Ho uno e piu copioni che copiano senza pudore articolo per articolo ( pure in ordine di articolo ) un mio blog e oggi ho deciso di agire ! inizierò con segnalarli a google e speriamo bene.

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Giovanni io come inizio consiglio sempre di contattare gentilmente queste persone chiedendone l’immediata rimozione. Poi chiaramente, se non va a buon fine la richiesta, si parte col resto.

      Rispondi
  6. Fede

    è il problema che sto avendo al momento con il sito dell’azienda dove lavoro.. tanti copioli che fan fatica a sostituire i contenuti, nonostante l’alternativa gliela forniamo direttamente noi!

    Se ci son altri step utili, sto sempre pronto a coglierli!

    Rispondi
  7. Pingback: Google: penalizzazioni algoritmiche @merlinox

  8. Luigi

    Buongiorno interessante come articolo però io ho un altro problema.
    Ero il creatore insieme ad altre 3 persone di un sito sportivo,i miei articoli costituivano circa il 70% del sito,soltanto per diverbi mi sono allontanato con la forza,siccome il materiale dei miei articoli foto,descrizione è tutto mio per il quale ho “perso” tantissimo tempo a farlo,ho chesto gentilemente ai miei ex soci di cancellare tutto,ma si stanno rifiutando!
    Che devo fare?
    Io prima di abbandonare mi sono salvato sul mio pc tutto il backup del sito con i creatori dei vari articoli,inoltre il sito era a mio nome ma senza preavviso sono stato tagliato fuori non riuscendo ad entrare nel pannello amministrazione(ero stato cancellato),però il sito era a mio nome!
    Potrei fare un azione legale contro questi Cogl..ni?

    Grazie per le risposte

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Ciao Luigi, mi spiace per la tua situazione. Purtroppo non sono un legale e non so darti delle indicazioni. Quando si fanno partire i progetti, anche con gli amici, bisognerebbe mettere sempre nero su bianco proprio queste cose, ovvero la proprietà dei materiali etc. Senza specifiche indicazioni non so cosa sia previsto, potrebbe essere anche vista la tua opera come una “donazione” di proprietà al sito stesso. Però ripeto, non so!

      Rispondi
  9. Pingback: La guida (spero) definitiva per combattere i contenuti duplicati

  10. Pingback: Improvviso calo di visite nel blog | NoSatisPassion

  11. Giordano

    Ciao e complimenti per l’articolo.
    Se possibile vorrei un chiarimento in merito ad una situazione specifica: cosa fare quando copiolo usa lo stesso nome del mio blog per il suo? E “prende spunto” anche per quanto riguarda la spiegazione del nome scelto?
    Nel senso che non è proprio copiato ma ha solo cambiato alcune frasi per renderle riferite a se stesso…

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Ciao Giordano, è successo anche a me. In quel caso bisogna usare le armi della “persuasione”. Poi sta ad ogni persona capire dove si vuole arrivare. Se lo segnali a Google come scaper penso dinieghino la richiesta.

      Rispondi
  12. Pingback: Come segnalare a Google un sito | IdeaGeek.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *