Merlinox questa volta finisce alVerde

Durante un corso SEO ho avuto modo di conoscere una persona con la quale ci si conosceva via Blogosfera: io sapevo chi era lui, lui sapeva chi ero io. Forse qualche email per info sul suo gigantesto sito: il famoso alverde, un vero punto di riferimento per guadagnare online con blog e siti. Ne è nato un ottimo rapporto, che ho il piacere di consolidare (che sia il suo regalo di Natale???) con una intervista: Paolo Moro, CEO di Alverde.net!


Buongiorno Paolo, come andiamo? Ormai ci sentiamo giornalmente e quindi ne approfitto. Ho avuto modo di conoscerti aldilà dei confini 2.0 e devo dire che sono rimasto veramente molto colpito. Levaci una curiosità, come è iniziata la tua carriera sul web?

Ciao Merlinox! La mia carriera sul web è iniziata per caso: nel 2000 ho iniziato a guadagnare qualche decina di migliaia di lire con servizi web che pagavano gli utenti per guardare dei banner pubblicitari durante la navigazione in internet, poi ho provato i primissimi programmi di affiliazione attivi in Italia e nel 2001 ho creato un sito (alVerde.net) su questo argomento a cui mi sono appassionato. Ora sembra normale ricevere dei soldi da AdSense e simili, ma 8 anni fa non era proprio così. Nel 2003 ho aperto la partita iva e così il mio hobby "guadagnare con i siti web" è diventato un lavoro, che mi ha dato moltissime soddisfazioni.

Cavoli hai iniziato presto. Cosa ti ha fatto credere così tanto nel internet advertising? Pensi che le aziende italiane inizino a capire il valore del web anche come luogo promozionale?

Molte aziende intuiscono che il web è un buon canale pubblicitario, ma spesso non capiscono come usarlo in modo efficiente. Forse è questo il vero problema.

Oggi invece sul web le aziende iniziano a credere parecchio. Parallelamente però nascono ogni giorno nuove figure "professionali", ma soprattutto emergono ciarlatani che si innalzano ad esperti in un mondo titleLess. Come distinguere le professionalità? Come tutelarsi? 

Prima di affidare un incarico ad un presunto professionista è bene cercare informazioni sul web in merito ai lavori da lui svolti online. Internet agevola questa ricerca di informazioni che include anche l’opinione di altre persone e le referenze (vedi social network professionali tipo linkedin).

Oggi si parla sempre di più di SEO. Le lame sono sempre più affilate: aumentano gli investimenti, aumentano siti e azienda e la competizione sulla "home serp" è alle stelle. Ma studiare SEO oggi è qualcosa di empirico o qualcosa di scientifico? Filosofia su alcune basi concrete o continua ricerca e studio degli algoritmi?

La SEO è un’attività empirica basata cioè sulla sperimentazione. Infatti, chi vuole comprendere il funzionamento dei motori di ricerca non può far altro che continui test. L’alternativa è quella di ignorare gli algoritmi (almeno i dettagli degli stessi) e ragionare così: "Google ha bisogno di contenuti buoni da mostrare ai propri utenti; faccio quindi contenuti utili e unici, sarà poi Google a premiarmi perchè gli sto dando esattamente quello che gli serve". A parte questo, la SEO è sempre più legata al marketing e alla comunicazione perchè il posizionamento non dev’essere fine a se stesso, ma deve portare ad un incremento di conversioni (contatti, vendite, ecc.) altrimenti è inutile. Per questo motivo le competenze richieste ad un SEO sono sempre maggiori (non bastano più gli algoritmi).

Io sono più per l’approccio filosofico. Concordo con i test, ma se nel mezzo di un test loro cambiano le regole, noi siamo inconsapevoli, e l’esito del test non è "corretto". Questo però non esclude che anch’io ogni tanto qualche test lo faccio, vedi quello dell’OCR. A questo punto ti ringrazio e ti lascio l’ultima risposta "aperta" per dire quello che vuoi e per un saluto ai lettori. Ciao e grazie del tempo dedicato.

Hai perfettamente ragione. Vorrei concludere dicendo che sono convinto che l’unico metodo sempre vincente sia quello di impegnarsi per creare contenuti/servizi/prodotti in grado di soddisfare i nostri utenti utenti/clienti, tutto il resto (posizionamento, vendite, guadagni) viene di conseguenza. Voglio approfittare di quest’ultima risposta anche per augurare un felice Natale e un 2009 ricco di soddisfazioni a te e a tutti i lettori del tuo blog. Ciao!

Grazie mille quindi a Paolo e complimenti per il suo prezioso lavoro. Confido possiamo collaborare ancora come ogni tanto facciamo con dei cross post e con qualche acceso scambio di idee. Buone feste a te e a tutti i lettori ancora online.

Loading Facebook Comments ...

2 pensieri su “Merlinox questa volta finisce alVerde

  1. Pingback: Intervista a Paolo Moro di Alverde.net | Italian webdesign

  2. Pingback: 100+ Interviste a blogger e SEO italiani | BigThink

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *