La papercraft mania dilaga

Io non so cosa stia succedendo. Sono un assoluto sostenitore dei cicli storici, ma questa è una vera e propria ondata. Anni anni anni fa avevo scritto un post che riguardava i Papercraft, cioè modelli di cose / animali fatti con la carta (100g/mq…), piegando ritagliando e incollando. Il post non lo trovo più… chissà dove l’avevo scritto… a so proprio vecio…

E’ molto molto divertente, economico, e i risultati spesso sono eccezionali. Ricordo ancora il sito, sponsorizzato dal gruppo ricerche della yamaha, che aveva modificato il suo sistema di modeling, permettendo di stampare in automatico i fogli di ritaglio per i papercraft.

Il sito Yamaha Papercraft c’è ancora: yamaha-motor.co.jp…. Sempre aggiornatissimo, con nuovi modellini e interessanti creature da fare. Io ricordo di aver fatto l’aquila e la tigre a quel tempo. Ma mi ero scaricato pure il pdf della VMAX 🙂

Ma quello che mi chiedo adesso è: perchè tutti i blogger italiani si sono rimessi a fare post sui papercraft? La redditività degli adsense (cpc) non è così alta e nemmeno la ricerca media. Boh…

Vediamo qualche bel post sull’argomento:

Buoni ritagli 🙂

 

Loading Facebook Comments ...

9 pensieri su “La papercraft mania dilaga

  1. Quotta!

    Ho scaricato i modelli da un portale giapponese di cui ora non trovo il link. Appena lo recupero te lo segnalo
    😉
    I robot sono stampati su carta comune poi plastificati a caldo, non sai che sbattimento montarli, gli omini sono ‘cowboy e indiani’ comprati in cartoleria, limati e dipinti. Eh! Mi piacciono i diorami e la PaperCraft permette di realizzarne con costi bassissimi.

    Rispondi
  2. MaxTux

    Ciao se ti fa piacere puoi scaricarti anche un mio papercraft dal mio sito, è basato su un mio personaggio!

    http://www.hokmaph.net/blog/?p=539

    Tanto tempo fa, in un luogo lontano dai ricordi, viveva un piccolo guerriero in una cittadella a testa in giù, di notte accendeva i lumini nella sua fortezza ed aspettava che gli incubi venissero a fargli visita, ogni volta che un brutto sogno lo visitava nel sonno, lui lo combatteva e lo intrappolava in una ampolla. Rinchiuse centinaia di incubi nelle ampolle nere, in centinaia di anni di vita, ma alla sua morte le ampolle vennero rubate e disperse per il mondo.

    Così che gli incubi tornarono nei sogni delle persone.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *