Intervista ad un iDoctor

Cliccare per ingrandire

Oggi propongo una intervista a mio avviso molto interessante. Come il mondo della Information Technology e di Internet si può fondere con il mondo della salute e della medicina, senza fare danno! L’intervistato è un blogger italiano, 30 anni, che come hobby fa il medico!

 

Intervista ad un iDoctor

Eccoci qua con un iDoctor. Cos’è un iDoctor?
Beh è una nuova forma di medico, creata dal sottoscritto (il nome…), che ama il web 🙂
Per lavoro ho avuto occasione di lavorare con la sanità pubblica, ma devo dire che il livello medio di preparazione era bassissimo!
Durante alcuni corsi bisogna addirittura spiegare il discorso click etc… da non crederci.

 

Siccome non amo i convenevoli ti piazzo subito la domanda.
Secondo te Daniele (benvenuto nel blog) è un fenomeno legato alla vecchia guardia, o tutt’oggi la medicina attuale ha un rapporto contraddittorio con il web e il computer in generale? (tu quanti anni hai)?

Ciao a tutti e grazie Merlinox per la tua ospitalità.
Sono un giovane medico di 30 anni e mi piace molto il web soprattutto per la possibilità di avere una informazione scientifica libera dalla pressione delle casa farmaceutiche.

Gli iDoctor (mi piace questo tuo neologismo) (che ruffiano, ndr) non sono moltissimi anche se il loro numero aumenta di anno in anno con l’arrivo di nuovi giovani colleghi, ma è pur sempre un numero esiguo rispetto alla moltitudine dei medici italiani. La maggior parte dei medici, purtroppo, ha infatti un brutto rapporto con internet e la tecnologia in genere e ritengo che ciò sia dovuto a due motivi: i medici "anziani" sono molto più di quelli giovani; tutti i medici passano, e hanno passato, troppo tempo sui libri.

Il tuo primo approccio con il Web quale è stato? Oltre ad essere un mio grande fan (lol) quali altri blog segui ma soprattutto perchè? Se ti dico RSS, Feed, Trackbacking cosa mi rispondi? (tu non dirmi empatia della smanticida con usteolombatite) 🙂

Conosco il web da quando si è iniziato a diffondere in Italia, mi ha subito affascinato.
I blog che leggo (oltre al tuo)? Ri-vivere (è il mio preferito), verde non è un colore, gestione eventi, Protonutrizione, cattiva maestra e geekissimo e tanti tanti altri (basta vedere il mio blog roll).
Conosco tutti i termini da te elencati, se no sarebbe impossibile gestire un blog; mi dispiace che tu non conosca la usteolombatite perché, insieme alla Febbra, ucciderà milioni di persone 😉

Ma ti ritieni un bravo medico e un blogger mediocre, o un blogger bravo ma un medico mediocre?
Ma soprattutto… (parliamo seriamente) nel web ci sono milionate di siti, seri e non.
Finchè parliamo di ca**ate o di pc la gravità è relativa. Quando si parla di salute, c’è la vita in ballo.
Cosa puoi consigliare ai lettori di questo blog, quando entrano in un sito medico o pseudo medico?
Come riconoscerne la validità? Come affrontare le tematiche?
E per quanto riguarda i siti dedicati a teen-agers, tipo yahoo! answer preso d’assalto da tredicenni curiose e (purtroppo) troppo disinibite?

Credo di saperne un po’ di più di medicina che di blog, anche perché finora ho passato molto più tempo sui libri che su internet 🙁
Per capire la serietà di un sito che parla di salute c’è uno strumento detto il " misura siti" che potete trovare sul portale partecipasalute e, oltre a questo, potete vedere se il sito è certificato dalla Health On The Net Foundation, associazione che garantisce la serietà dei siti scientifici (il mio sito è stato certificato, il blog è in attesa di approvazione). Oltre a questi siti, vi consiglierei comunque di fidarvi sempre del vostro istinto e di non credere mai di poter trovare sul web la soluzione a tutti i vostri mali.
Per quanto riguarda Yahoo answers penso che se uno ha un problema di salute dovrebbe rivolgersi al proprio medico di fiducia, quel sito può servire solo a togliersi qualche curiostà.

Ultima domanda e poi non ti rompo più.
Come pensi che la web philosophy denominata "web 2.0" possa aiutare il mondo della salute e della medicina?
Quali sono i tuoi progetti web per il futuro?
Un abbraccio e grazie per la splendida intervista.

La medicina 2.0 può essere una nuova risorsa per tutti. In questo caso sarebbe bello vedere tanti iDoctor collaborare insieme per creare un portale dinamico accessibile a tutti.
Come progetto ho in magazzino la creazione di un aggregatore tipo digg solo per news sulla salute, potrebbe essere un primo passo per la medicina in stile web 2.0.
Ciao e grazie a te per l’intervista

 

Game Over

Grazie DanieleMD, autore del blog psiche soma e medico.

Loading Facebook Comments ...

8 pensieri su “Intervista ad un iDoctor

  1. DvD

    Concordo col maestro, complimenti ad entrambi, soprattutto sottoscrivo il consiglio di Daniele relativo all’affidabilità dei siti di medicina.

    Byez

    Rispondi
  2. Pingback: Intervista nella Mutanda di Miranda | Psiche Soma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *