La febbre instantempo invade il web

Sexy Instantempo ... che sia GT quello che pedala?A poche ore dal lancio del contest del Forum GT di Giorgio Tave, la rete impazza: una vera e propria febbre incentrata sulla parola instantempo. Come abbiamo già detto tale parola è stata coniata appositamente per questo contest ma il suo significato addice a coniugare le potenzialità di indicizzazione contestualmente alla dimensione temporale.

Come detto l'instantempo fever è diventato un vero e proprio virus: tutti gli affetti si sono prodigati nel pubblicare qualsiasi cosa potesse permettere loro di vincere uno dei riconoscimenti messi in palio da GT e dagli sponsor aderenti.

Vediamo alcune delle idee più originali, create per partecipare al contest: ricordo che la partecipazione non richiede iscrizione, alla scadenza verrà analizzata la serp di google.it.

Instantempo: il più veloce fra i supereroi

Trovo l'idea di rappresentare instantempo come Homer trasformato in un supereroe geniale. Secondo me sarebbe stato più figo ancora un supereroe ex novo, ma visti i tempi con cui hanno comprato il dominio ad hoc e realizzato il sito, già inventarsi tutto lo story board è stato uno sforzo notevole.

Instantempo WordPress Plugin

Un grande cinque (no come voto, ma come smanata) ad Andrea Pernici, che ha addirittura creato un plugin WordPress per permettere di seguire gli "instantempi" legati al contest. Ecco la descrizione ufficiale "Automatically generate a widget to show the latest news about instantempo seo contest by Forum gt.". Sei proprio forte.

Instantempo FB Page

Anche Facebook è stato preso d'assalto: una vera e propria gara a chi si aggiudicava la prima pagina. Quella che ho linkato io è molto bene organizzata ed ha anche un Tumblr site di riferimento. Anch'io nel mio piccolo ho tentato di farne uno ma sono arrivato tardi. Come servizio l'ho comunque lasciato, cercando di recuperare nella rete le principali news: Instantempo GT Contest, confidando che il servizio tumblr riprenda a funzionare decentemente visto che sono settimane che queue e import RSS zoppicano.

A seguire una marea di personalizzazioni di domini di terzo livello, domini presi ad hoc con tutte le estensioni possibili e immiginabili e millemila profili sui social network. Tanto spazio sprecato? Bah… sicuramente per Giorgio Tave NO, ma nemmeno per gli appassionati di SEO e comunicazione. Tanto poi – come dico sempre – le regole di Google, ormai considerabile assoluto monopolista della ricerca e dell'instantempo, le conosce solo Google e le può modificare come e quando vuole!!!

ps: per amicizia cito anche la Facebook Instantempo page fatta dall'amico Davide Nonino, altrimenti poi si arrabbia e non è più mio  amichetto: Instantempo Appiccicato, da te però mi aspettavo qualcosina di più 🙂

Loading Facebook Comments ...

22 pensieri su “La febbre instantempo invade il web

  1. Merlinox Autore articolo

    @Danilo grazie a te per il commento e complimenti per il tumblr, che sembra bene curato. A dimenticavo… grazie che mi hai rubato il dominio su tumblr, sei stato una freccia 🙂

    Rispondi
  2. lastrobt

    Questo contest è davvero fantastico, ha riscosso un grandissimo successo in pochissime ore dal suo lancio, penso che la potenza mediatica di giorgiotave faccia paura! 😀

    Rispondi
  3. Merlinox Autore articolo

    @lastrobt Giorgio è indiscutibile sia un grande. Il contest è indiscutibile sia divertente e competitivo. Però con premi simili il successo è abbastanza semplice da raggiungere!

    Rispondi
  4. Gregorio

    Ciao Merlino, bel post complimenti!

    E sulla gara nulla da dire, GT è uno che ha capito tutto e sta sempre un passo avanti a tutti e uno dietro google. Certo pensandoci un attimino … se avesse abbinato u n prodotto qualunque alla parola magica “istantempo”…. immagina: Cacao Istantempo, Birra IT, Aranciata IT, Jeans IT…. sarebbe stato ancora piu virale. Cosi il virus, ma sempre vurs è, rimane circoscrtitto ad un certo tipo di portatori, se invece si abbinava ad un prodotto a caso si avrebbe avuto l’effetto del cacao meravigliao

    Rispondi
  5. Merlinox

    @Gregorio sei diabolico. Cmq penso ci sarà tanta carne al fuoco da studiare dopo questo contest e @giorgiotave vive di questo. Per me è ancora un gioco ma sono molto incuriosito nel vedere comportamenti e azioni di google. A presto.

    Rispondi
  6. Gregorio

    Occhio che se dovesse diventare una cosa troppo grossa (grossa per G intendo, da disturbarli) lo zio sam è capace di bannare tutti inventandosi una regola nuova su deue piedi. Non sarebbe la prima volta. In fin dei conti si sta facendo tutto per testare e “stressare” G in un certo senso, il prodotto non esiste, e al navigatore medio frega nulla. Se invece c’era il Cacao Istantempo in caso di ban gli si poteva sempre mandare una confezione come prova a discolpa 🙂

    Rispondi
  7. Pingback: I migliori post della settimana #86 | Web Developer / Web Designer / SEO Specialist / Napoli :: EmaWebDesign

  8. Giorgio Taverniti

    Bell’articolo.

    Mi permetto solo una piccola precisazione prima che nascano voci strane.

    Il Contest dei Fattori Arcani arrivò intorno ai 2.000.000 di url indicizzati su Google, superando i 250.000 dei VE. Lasciando perdere se oggi Google gonfia o meno i risultati…lo scopriremo a fine contest.

    Questo oltre 4 anni fa, senza alcun premio (una coccarda simbolica) e con meno 60.000 utenti iscritti al forum gt rispetto ad oggi.

    Oggi è vero che ci sono i premi, ma è anche vero che la nostra forza comunicativa è cambiata.

    Ci tengo a lasciare questo messaggio perchè in molti non c’erano all’epoca, ma i nostri Contest hanno sempre funzionato perchè alla base c’è una comunità che ha nella sua storia e nel suo motivo di nascita un Contest. Siamo nati per testare, condividire e indurre gli altri a farlo.

    Che poi i riconoscimenti aumentino il numero di persone che vi partecipano si, è effettivamente così.

    Ma la nostra forza di coinvolgimento è superiore.

    Rispondi
  9. Merlinox Autore articolo

    @Gregorio i regimi di monopolio non fanno mai bene a nessuno. Purtroppo oggi il mondo della ricerca online e dell’advertising di livello medio-basso (specie in Italia) è a livelli di monopolismo.

    @Giorgio Taverniti hai fatto benissimo a precisare. Ultimamente – e vedo che nel tuo copy sei stato molto attento – il passo da contest e concorsi è brevissimo, pochi millimetri. Lode al merito, ma te l’ho sempre data, al lavoro tuo e del tuo staff. E anche al fatto che non ti sei mai ingurato! Nel tuo contest non viene chiesto nulla, e questo è simbolo di pulizia e soprattutto è meramente meritocratico. E’ una bella sfida e mi fa piacere parteciparvi, con quel poco tempo che ho a disposizione.

    Non vedo l’ora di poter leggere il tuo prossimo ebook gratuito che analizza in profondità ogni singolo dettaglio dell’evento 🙂

    Rispondi
  10. Giorgio Taverniti

    Ma infatti quelli non sono proprio dei Contest.

    “Il Contest mira alla produzione di test scientifici sul comportamento dei motori di ricerca, presentando studi ed analisi che proseguiranno nel tempo.”

    😀

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *