I limiti degli STYLE sui CSS

Leggo su HTML.it di un tool che trasforma i CSS in Style. Effettivamente è molto utile, ma come temevo il limite di fondo è sulle struttre di CSS più complesse (pseudo-classi, pseudo-elementi)

Sicuramente la più usata da tutti è quella sui link, per dichiarare stili diversi in base allo stato del link.

Ecco il codice HTML che ho dato in pasto al tool

 


<!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.01 Transitional//EN"
"http://www.w3.org/TR/html4/loose.dtd">
<html>
<head>
<title>Test CSS HTML</title>
<style type="text/css">
a{color:black;text-decoration:none}
a:hover{color:white;background-color:black}

</style>
</head>
<body>
W la <a href="http://blog.merlinox.com">pappa</a> con il pomodoro!
</body>
</html>

 

Il risultato del tool è stato:

<!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.01 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/html4/loose.dtd">
<html>
<head><title>Test CSS HTML</title></head>
<body>
W la <a href="http://blog.merlinox.com" style="color:black;text-decoration:none">pappa</a> con il pomodoro!
</body>
</html>

Chiaramente non è stato in grado di tradurre quella struttura CSS, perdendo completamente il comportamento :hover che non è riproducibile inline.

Loading Facebook Comments ...

6 pensieri su “I limiti degli STYLE sui CSS

  1. stefra

    Utile… ma scusa… perchè dovrei farlo? nel senso… il casino di solito è fare il contrario…delle cose fatte inline e che invece mi accorgo (tardi…sig) di dover fare con un CSS…

    Rispondi
  2. Merlinox

    Quando mandi una newsletter, nel codice della mail, non puoi dichiarare i CSS, nè tantomeno importare un file CSS esterno. L’unica soluzione è affidarsi a HTML e CSS inline, cioè all’attributo STYLE dei tag HTML.

    Rispondi
  3. Merlinox Autore articolo

    Cmq secondo me le mail devono essere più semplici possibili. Testuali o quasi, mailing compresi.

    Se dobbiamo allegare qualcosa di figo usiamo i jpg 🙂

    Rispondi
  4. Merlinox Autore articolo

    è quella la bravura di un professionista.
    riuscire a trovare equilibrio tra ciò che il cliente vuole e ciò che il professionista ha in testa.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *