Un mondo perduto – Walter Bonatti

Ho iniziato ad apprezzare i  libri che raccontano avventure bene, dopo qualche migliaio di km di running sulle gambe: una sorta di condivisione delle emozioni, del cammino, della fatica.

Walter Bonatti – meno visibile di altri “avventurieri” italiani – è un mito. E bisogna tenerlo in mente leggendo il suo libro. 16 anni di alpinismo estremo per poi convertirsi all’esplorazione, ridefinendone il significato: oggi siamo abituati a Bear Grylls, grande sponsorizzato e seguito da millemila telecamere.

Bonatti partiva quasi sempre da solo, arruolava indigeni, ma non sempre. Tutto in solitaria, tutto in autonomia, spesso nutrendosi di ciò che veramente trovata e accompagnato dalla macchina fotografica e zaini da mezzo quintale.

Il libro è assolutamente una testimonianza di un uomo che ha dato un nuovo senso all’avventura. L’unico neo è che spesso è freddo, molto “giornalistico”, poco emotivo. Tante volte, momenti di altissimo pathos si interrompono con un punto e parte un altro discorso. A volte sembrano più appunti non riletti: si può anche apprezzare.

La parte più bella – indiscutibile il valore del racconto e dei luoghi perfettamente descritti – è la fine dove un Walter decisamente molto maturo e consapevole butta giù nero su bianco le emozioni: peccato duri poco.

Libro disponibile su Amazon http://goo.gl/jd0oUS anche in formato Kindle (io fatalità li ho entrambi!).

ps: magari se avete dei figli che apprezzano l’avventura, leggetegli qualcosa di Walter Bonatti e spegnete la TV

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *