Google Serp impazzita?

Qualche giorno fa improvvisamente Google ha deciso di rimuovere dalla sua SERP un numero immenso di pagine indicizzate di uno dei siti che curo, di maggior successo. Le pagine rappresentavano accessi diretti a ricerche già effettuate dagli utenti nel motore di ricerca Ricette 2.0. 

Me ne sono accorto per caso, accedendo al sistema di statistiche e vedendo alle tre del pomeriggio dei dati completamente fuori regime, rispetto alla media standard. Il primo ottimistico pensiero fu quello che il servizio di statistiche aveva dato i numeri: ma poi quando sono 2-3 i servizi a dare i numeri il problema sicuramente non era lì.

Ho pensato allora di avere fatto io una cosa sbagliata e che il server rispondesse un erroraccio, invece il sito andava benissimo come al solito. Ergo? Cerco la serp sul motore digitando la query:

site:www.ricette20.it

Aiutooooooooo… tutte le pagine rimosse, ad eccezione di quelle "statiche". Ma la cosa peggio è descritta dall'immagine che potete vedere qui sotto:

Esempio della SERP errata

 

Nella prima pagina della SERP mi indica che sto visualizzando i risultati 1 di 10, di circa 25.400: molto meno di quanto ce ne fosse prima ma comunque non male. Passando alla pagina due mi dice che sto visualizzando i risultati dall'11 al 19 di 19… diciannove? Ma non erano venticinquemilaquattrocento?

 

Risposta tecnica

Tecnicamente non ho alcuna risposta. Inizialmente pensavo a una penalizzazione, ma come in molti mi hanno detto, se Google penalizza nella SERP non ti ritrovi più nemmeno con la cache di archive.org… Poi lo spettro dei link diretti alla SERP di CSE è riapparso, ma anche questa volta senza alcuna risposta ufficiale o formale. 

La mia ipotesi è che abbiano improvvisamente fatto una pulizia dalla SERP di tutti quelle pagine all'interno del cui QUERY_STRING fosse contenuta la sintasi tipica di CSE, ovvero:

?cx=xxx:yyycof=FORID:11&ie=UTF-8&q=fzzz&sa=Cerca&siteurl=www.xxx.it/

Però è solo una ipotesi. L'unica cosa certa è che la stessa cosa è accaduta in altri siti molto simili a Ricette 2.0, e che modificando le impostazioni dei link dell'history del sito nel giro di qualche minuto ha ripreso a reindicizzare, ed ora le pagina sono realmente più di 30.000. Il danno sugli accessi invece non si è ancora rimarginato completamente.

 

Risposta filosofica

Siamo in balia di Google. Nonostante tutti gli sforzi scientifici dei SEO e della SEO community, basta un gesto da parte di mr. G. e tutti gli sforzi fatti sono vani. Nonostante l'errore su Ricette sia stato recuperato, il danno ancora oggi – come già detto – non è stato completamente saturato

L'unico corretto approccio a Google è di evitare di fare cose che potrebbero infastidirlo: nonostante ciò anche un suo banale errore potrebbe caratterizzare una verticale caduta del vostro sito, che comporta crollo di accessi e di rendimenti pubblicitari.

 

Glossario

  • SERP: Search Engine Results Page, la pagina di un sito con l'elenco dei risultati di una ricerca
  • CSE: Custom Search Engine > Motore di ricerca personalizzato.
  • QUERY_STRING: è una variabile server all'interno della quale è contenuto l'eventuale testo di un indirizzo web (URL) presente dopo il simbolo ?. Il contenuto della Query_String rappresenta i parametri URL, cioè l'elenco delle coppie nomevariabile=valore suddivisi dal separatore &.
Loading Facebook Comments ...

10 pensieri su “Google Serp impazzita?

  1. Yuri

    Riccardo, oltre quello che penso che sia, che ti ho detto nel forum ricerca web google (qui se non te ne ricordassi o se qualcuno vuole saperlo); adesso ho notato un’altra cosa, prova a guardare la velocità con cui google ha trovato le pagine, 25000 pagine in 0,04 contro 19 pagine in 0,19, forse erano due data center diversi oppure….caffeine 😉

    Ciao!

    Rispondi
  2. Merlinox Autore articolo

    @Yuri piano. Un conto è l’aggiornamento dei data center, un altro è un crollo pauroso degli accessi da Google. Comunque se è un errore non è (sarebbe) giustificabile:

    Rispondi
  3. Creare un blog

    Non so se la situazione si è risolta in questo periodo, però un calo improvviso di quelle proporzioni, ai miei occhi, non può che essere una penalizzazione.
    Prova a rimuovere tutto quello che non va, quindi magari qualche link affiliato o sospetto, aggiungi tutti i nofollow che devi e prova a fare una richiesta di riconsiderazione, vedrai che risolvi.

    Rispondi
  4. Merlinox Autore articolo

    Grazie “@Creare un blog” penso di aver risolto il problema, appoggiandomi alla tesi che ho espresso nel blog.

    ps: perchè usi “creare un blog” come nome nei commenti, sei convinto che siano seo likely? secondo me rende molto di più rendere ciò che scrivi (correttissimo) appartenente a una persona 🙂

    Rispondi
  5. Merlinox Autore articolo

    Ho modificato i link, creando un link più corto e personalizzato con un redirect 302: la particolarità di questo tipo di redirect (moved temporaly) è di mantenere in serp l’url originale, e non quello “rediretto”. Non posso garantire però che sia stata la soluzione: proprio ieri ho avuto un altro crollo della long tail e relativo crollo degli accessi, meno violento ma similare.

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Bisognerebbe vedere il tipo si sito, la parole coinvolte, l’andamento del sito e dei suoi contenuti, etc…
      Ps: firmati con un nome, con realizz… Non guadagni nulla anzi ci fai una figuraggia con chi ne sa qualcosa.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *