Google Me vs Google.me

Da qualche ora il mondo informatico si è posto sull'attenti davanti a un nuovo nome che potrebbe scuotere il web: Google Me. A quanto pare il sig. Google vorrebbe scendere in campo con un social network tutto nuovo per controbattere il potere di Facebook. 

Testimonianze importanti sembrano avallare – secondo PI – che l'ipotesi sia realtà: Kevin Rose, fondatore di Digg, e Adam d'Angelo, ex CTO (Chief Technical Officer) di Facebook. Nel frattempo nei social network, le solite betoneghe – me compreso -, iniziano a ricordare altri "esperimenti" nel campo sociale di Google più o meno non riusciti: Google Profiles, Buzz, Wave e Orkut, anche se quest'ultimo ha raggiunto ottimi risultati in India e Brasile.

Quello che in pochi hanno sottolineato, tranne il piccolo Luca, è un aspetto importante del rapporto Facebook-Google, che non colpisce il "social networking" ma colpisce il mondo delle email e di Gmail. La prima beta di Gmail è apparsa nel mondo web il primo aprile 2004, sconvolgendo gli utenti di tutto il mondo. Parole d'ordine di un successo planetario: gratuità (apparente), usabilità, spazio, velocità. Tanto per dare dei numeri, secondo un report di USA Today del febbraio 2008, gli utenti erano poco meno di 92 milioni (non ho trovato nulla di più attuale…).

Peccato non potere comparare questo grafico con quello di Gmail. Ma non per dimostrare l'abisso di differenza di accessi, ma per dimostrare come la crescita dell'uno, avrebbe potuto comportare il calo dell'altro: ho usato avrebbe perchè è una mia ipotesi. Facebook, coadiuvata da smartphone con relativi applicazioni e Facebook toolbar, diventa giorno dopo giorno il client preferito per l'utenza. E se dapprima erano i non "addetti ai lavori" a usare FaceMail come alternativa a un client con la rubrica, oggi sempre di più evitano sforzi mnemonici e sfruttano l'anagrafica zuckerberghiana.

Facebook vs Twitter vs OrkutGoogle vuole veramente calarsi nel mondo dei social, dove i protagonisti si chiamano già Facebook, Orkut e Twitter? Anche se il report di Google Trends un po' differenzia rispetto al report di Alexa: vedete l'immagine a fianco! Oppure teme che l'onda di Facebook, e della sua paura usabilità cattura utenti, rischi di rubargli quei miliardi di preziosi byte (e account) che ogni giorno sono veicolati in Gmail?

Ops dimenticavo, per tutti coloro che provassero a digitare Google.Me, vi avviso che il sito esiste. E' infatti la versione yugoslava di Google del Montenegro, motore di ricerca 😉

Loading Facebook Comments ...

8 pensieri su “Google Me vs Google.me

  1. Marco

    Ciao Merlinox, ti dirò, l’idea di una ennesima applicazione Google-centrica non è che mi entusiasmi eccessivamente (sappiamo bene cosa porta troppo monopolio da parte di un’azienda **coff** Microsoft **coff**), senza contare l’immensa mole di dati a cui avrebbe accesso (che già non possiede attraverso email e motore di ricerca) per i propri servizi commerciali… Ma se proprio deve farne uno, mi auguro che non sia “FUFFA”-centrico come lo è attualmente Facebook, integrando maggiormente i vari servizi già offerti dal colosso Big G in questo nuovo social network… Tu che ne pensi?

    Rispondi
  2. Merlinox Autore articolo

    Ciao @Marco , Facebook ormai è un covo infernale di applicazioni e notifiche. Senza contare i markettari. Io sinceramente non mi ritrovo, ma sento parecchie persone che lo apprezzano sempre di più, soprattutto come strumento integrato di comunicazione, senza necessità di una rubrica a nickname.

    Google ha fatto parecchi passi strani ultimamente e poco capiti. Lo stesso fake lanciato oggi, dicendo che ho accesso alla beta di Google Me, ha riscontrato curiosità, ma non un boato: che blogger e curiosi vari stiano iniziando a stufarsi di esaltare il tutto-non-esistente?

    Cmq Google non è da sottovalutare: ha il monopolio dell’informazione mondiale, o quasi, ed è l’unico che sa perfettamente cosa cerchiamo, cosa troviamo e cosa vogliamo! Una conversione in prodotto dei suoi dati potrebbe uccidere lo stesso facebook.

    Alla fine è di business plan che si parla… staremo a vedere!

    Rispondi
  3. elena

    secondo me, Google rischia un altro fallimento….e lo stesso Facebook da marzo ha avuto un crollo vertiginoso…effettivamente sta stancando.

    Ma chiedo a Google perchè “sputtarnarsi” in un settore di utenza media invece di acquistarsi e potenziare servizi professionali?

    Apprezzerei Google, se entrasse nel mondo hosting, (come si era già sentito), un CMS o portare a termine il suo OS.

    Un social network lo vedo mooolto poco adatto a Big G. In effetti, Gmail ha avuto successo perchè ha un grande antispam ed è sicura e molti la usano x professione e usano Hotmail solo per spam e notifiche di siti web.

    Perchè ledere un qualcosa di già funzionale?

    Rispondi
  4. elena

    PS io farei un bel client di posta da installare sul pc in stile google..che legge le mail come nel web molto leggero.

    Rispondi
  5. elena

    mmmm allora è arrivato semplicemente tardi!!! ha fatto gtalk x combattere msn, buzz x twitter, wave nessuno l ha capito….
    speriamo che quando se ne rendano conto non sia tropppo tardi

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *