Google mangione: pericolo o toccasana

Cliccare per ingrandireUn commento che ho fatto in molti blog amici: “google sta diventando pericoloso”?
Ammetto di essere stato sempre un’affezzionato della grande G, e di aver sempre testato e utilizzato volentieri ogni strumento di Google.
L’avanzata spasmodica degli ultimi anni però mi intimorisce parecchio: il continuo assorbimento di nuove società sta portando Google a lavorare in un regime di monopolio, ove ormai nessuno è più in grado di contrastarlo e chi ha le carte in regola per farlo viene assorbito.

In questi giorni è stata la volta di FeedBurner, uno dei maggiori network di servizi legati alla blogosfera. Con FeedBurner Google ingloba un altro sistema di advertising, specializzato nel feed advertising, cioè nelle pubblicità sugli RSS. Ingloba poi il più grande aggregatore RSS del mondo, un altro servizio statistico etc. etc.

La politica di Google però pare sia solo quella di controllo. Anche youtube, nonostante chiaro “avversario” di google video, ha mantenuto in questi mesi la propria identità. Staseramo a vedere i prossimi passi… quando magari leggeremo “Google ha comprato Microsoft” 🙂

Loading Facebook Comments ...

9 pensieri su “Google mangione: pericolo o toccasana

  1. Merlinox

    E’ un incubo che ho ogni giorno quando accendo la mia adorata gmail. Non dovrei dirlo, ma tanto lo sanno già: se mi chiedono dei soldi per un abbonamento Gmail io glieli do!

    p.s.: ma avete idea dei milioni che fa google con gli adsense su gmail?

    Rispondi
  2. Golem

    Se ricordi, tempo fa dicevo che avevo paura del monopolio di Google e cercavo di usare il meno possibile i suoi strumenti.
    Ora forse anche altre si stanno rendendo conto del pericolo.

    Rispondi
  3. stefra

    Beh…
    direi che tutto quello che oggi è gratis ma ha un "costo" prima o poi diventerà a pagamento…
    qualcuno si ricorda cosa ha fatto wind con libero / italia online… (ma anche tin) ha lasciato che tutti si affezionassero al loro servizio, regalando mail a tutti… poi ad un certo punto ha imposto che il collegamento fosse fatto con un pop wind per leggera la posta con un e-mail client … Poco male, la leggiamo tutti via web…ma è qui che sta l’affare… Quanta pubblicità fanno passare al giorno nelle pagine delle mail?

    Rispondi
  4. Merlinox

    Io uso gmail o altri servizi google a prescindere dal proprietario. Uso servizi che mi piaccono e che ritengo utili veloci etc.
    Sinceramente ho provato anche altri servizi ma nessuno mi dava quella qualità!

    Rispondi
  5. Alberto

    Google mangione = dato di fatto
    = una strategia per aggiungere valore ai servizi che offre – tutto cio’ non si avvicina minimamente ad una definzione economica di monopolio, a prescindere da quanto google possa dominare certi mercati (perche’ migliore di altri e non per motivi "artificiali")
    l’affermazione che ad ogni cosa che ha un costo verra’ prima o poi aggiunto un prezzo e’ errata da un pdv economico per il semplice fatto che un servizio che e’ gratuito per un utente non significa che non generi alcuna entrata per coprire i costi e generare profitto. Anzi, nel caso di Google i profitti vengono generati proprio dall’utilizzo stesso (via pubblicita’ o la ricerca stessa: su YouTube si "cercano" video…)…

    Rispondi
  6. Merlinox

    Anche secondo me google si auto-finanzia i propri servizi con AdSense, come il 99% dei blogger al mondo. O almeno spero continui a fare così 🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *