Google 2 step verification

Hai cliccato anche te in quel messaggio giallo dentro a GMail e dopo aver verificato il tuo account grazie ad un sms e un codice ti sei trovato in una complessa pagina “Authorized Access to your Google Account” con un sacco di cose scritte? Benvenuto…

Prima cosa: non intimorirti. Non è un male. Anzi è un modo per dormire sonni più tranquilli visto i cattivoni che ci sono online.

Seconda cosa: non farti problemi a cedere il tuo numero di cellulare a Google, visto che oramai gli hai ceduto giù tutto di te (il resto a Zuccheberghere).

Terza cosa: si tratta di un sistema per la verifica dell’accesso delle applicazioni esterne ai tuoi dati Google. Mentre le standard “browser application” possono comunicare con Google con sistemi di riconoscimento e autorizzazione (oAuth), altre applicazioni  possono solo accedere tramite utente  e password. Ad esempio se accedete a Google Talk tramite Miranda IM o Trillian, se avete un telefono Android sincronizzato o anche semplicemente il vostro browser Chrome se in cloud!

E’ per questo che a Mountain View si sono inventati un modo di autorizzarle, basato su una complessa password da inserire in luogo della classica password di login di Google. Usarlo è semplice:

  1. Prima devi fare la verifica del tuo account tramite sms / telefono “using 2-step verification”:
    https://www.google.com/accounts/SmsAuthConfig
  2. Quindi devi creare una speciale password ad ogni applicazione che accede con solo utente / password:
    https://www.google.com/accounts/IssuedAuthSubTokens
    Se ad esempio usi Android nel tuo smartphone, creati una password e inseriscila nel login di sincronizzazione del tuo account Google sul mobile.
  3. Non sforzarti di ricordare questa impossibile password: non serve. Se hai problemi torni al punto 1 e rigeneri una nuova password.

Se hai ancora qualche dubbio questo è il video esplicativo con i sottotitoli in italiano:

http://www.youtube.com/watch?v=zMabEyrtPRg

Loading Facebook Comments ...

11 pensieri su “Google 2 step verification

  1. Antonio - huck

    L’attivai la settimana scorsa ma venni scoraggiato dalle password specifiche tipo per android, ma riproverò… anche perché se ne traspare positività dal tuo post un motivo ci deve essere 😛 🙂

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Sicuramente hai una maggiore sicurezza, che la solita password personale. In seconda battuta, penso sarà solo questione di tempo, e poi sarà una procedura obbligatoria. A me dopo aver visto la sezione Miranda IM già non andava più e nemmeno la synchro Android.

      Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      A me su Gmail, su in alto, è apparso il classico popover giallo con scritte nere che mi avvisava di attivare il double-opt-in.

      Rispondi
  2. Pingback: La cache di Chrome @merlinox

  3. imp3

    L’ho provato anche io. L’unico neo è quando sei fuori e ti si scarica lo smartphone (cosa che purtroppo accade spesso…). In quel caso non posso controllare gmail su PC pubblici dato che Google mi invia un SMS che non leggerò prima di tornare a casa e ricaricare il cell. 😐

    Rispondi
      1. imp3

        Se hai impostato la 2 step verification:
        1) Esci di casa
        2) Lascia il cello a casa (oppure spegnilo così simuli che sia scarico)
        3) Entra in un bar con un PC pubblico (oppure biblioteca o internet point)
        4) controlla Gmail

        Senza cello stai fresco. 🙂

        Rispondi
  4. Merlinox Autore articolo

    Per la cronaca ho appena disattivato. Non cambio spesso PC però sta cosa che per accedere manda gli sms, se sei “foresto” è insopportabile.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *