Formazione e Autoformazione

Formazione Online e per l'OnlineScopro oggi che TAG Innovation School mette a disposizione 6 borse di studio per  complessivi 38800€ dedicati alla formazione di figure professionali per il mondo del Web. Si parla di e-commerce specialist e di online store manager.

Lavoro ormai come consulente web da molti anni e negli ultimi mi sono specializzato fortemente in quello che è il mondo ecommerce. Quello che spesso riscontro negli “operatori” è un’impreparazione alle esigenze dei nuovi media e dei “nuovi utenti”. Si, la gente è sempre quella, ma oggi ha esigenze diverse rispetto a 10-20-50 anni fa.

Leggendo il corso sembra che l’offerta sia realmente interessante, la riporto in modo preciso:

E-commerceMaster-HPLa partecipazione a E-commerceMaster garantisce un totale di 700 ore tra lezioni e project work assistiti, l’accesso 24/7 a Talent Garden Milano, la possibilità di partecipare a tutti gli eventi che si svolgono presso il Campus, uno stage retribuito di 6 mesi e l’iscrizione a vita a un servizio di Lifelong Placement, che permette di rimanere in contatto costante con le aziende che cercano sul mercato questa figura professionale.
In più, gli studenti partecipano alla TAG Barcelona Experience, 5 giornate di Full Immersion formativa che li metterà in contatto con le migliori aziende catalane del settore e-commerce.

La richiesta, da presentare entro il 30 settembre, prevede la compilazione di un form e successivamente si verrà contattati da un selezionatore.

Tornando al tema “Formazione”, cosa significa esattamente formazione online e formarsi per l’online? Vedo di rispondere a questa domanda  – è sempre  e solo un mio personale parere – riassumendo alcuni massi che ho scritto in MammaMrx (il mio libro, capitolo 7), anzi apro con l’incipit del capitolo:

La formazione, secondo me, non è un “progetto” ma è una forma mentis, è un modo D’APPROCCIARE AL PROPRIO LAVORO E ALLA PROPRIA PASSIONE.

Non c’è un momento per formarsi, ma deve essere un processo con cui si affronta la professione. Da dove partire? Sicuramente un master – come quello segnalato sopra – un corso universitario (comunicazione, informatica, …) o un corso professionale possono essere ottimi elementi per creare delle fondamenta.

Formazione Digitale secondo MammaMrxSi passa poi all’autoformazione: oggi blog, forum e gruppi online possono essere fonte continua di aggiornamento e di spunti formativi. L’unica cosa a cui bisogna stare attendi e di essere muniti degli strumenti per capire se ciò che leggiamo è buono o è cattivo.

Nel mondo SEO, che è il più vicino alla mia professione, una letta alla guida Google, alla guida Moz, alle guideline di qualità di Google e all’ebook di Enrico Altavilla penso siano un buon apporto di conoscenze per iniziare a decidere cosa sia il bene e cosa sia il male. E’ importante, specie all’inizio, trovare siti e persone di riferimento di conclamato e riconosciuto valore professionale: non guardare solo al klout, al numero di follower o al numero di post al giorno nel blog. Cerca di sondare nelle community chi veramente è riconosciuto come influencer defacto! Ricordati anche un proverbio veneto “El scarpàro va in giro coe scarpe sbùse”.

L’autoformazione ha il suo culmine e la sua massima fioritura ove possiamo permetterci di provare quanto impariamo: progetti personali, progetti sperimentali con clienti, …

Aggiungo una frase dell’amico Michele che m’ha donato sempre nel libro:

L’apprendimento risulta pertanto legato a doppio filo alla rete e alla capacità del singolo di utilizzarla in senso lato: CAPACITÀ DI RICERCARE LE INFORMAZIONI secondo un percorso personale non necessariamente preordinato, di SELEZIONARE LE FONTI e di FARNE UNA SINTESI a vantaggio della propria crescita.

 

Per quanto riguarda la Formazione per l’Online continua ad essere necessario aggiornarsi su come l’umanità si è evoluta negli ultimi decenni: oggi la gente più che cercare informazioni ne viene bombardata. Oggi la gente si esprime tramite query in linguaggio naturale su Google il quale è sempre più preciso nelle risposte, addirittura prevedendone gli intenti (o almeno ci prova). Chi vuole diventare un professionista per l’Online DEVE riuscire a declinare eventuali sue conoscenze (marketing, comunicazione, …) ai nuovi media e alle nuove abitudini dell’utenza.

Chiudo: sii curioso, non accontentarti, sii critico e soprattutto ogni cosa che fai domandati sempre PERCHE’ in un modo o in un altro. Tutti sbagliano, vince chi si rialza prima e di più!
Buzzoole

 

Loading Facebook Comments ...

2 pensieri su “Formazione e Autoformazione

  1. Paolo

    Ciao, io volevo chiederti.. ma come posso essere sicuro che un documento che uso online per l’autoformazione sia corretto e non contenga errori? Perche.. come dice il detto “fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio!”.

    Rispondi
    1. Merlinox Autore articolo

      Ciao Paolo è un percorso di crescita: all’inizio puoi partire dai documenti ufficiali di Google, poi passare a riviste specializzate tipo MOZ, Search Engine Watch, SEO Blog GT, … Questo percorso ti porterà ad una maggiore consapevolezza della materia e ad una maggiore capacità critica. Parallelamente inizi a prendere dei punti di riferimento di persone che vantano una forte autorità (che NON è la visibilità). Poi oh prendere la cantonata è cosa d’ogni giorno, altrimenti sarebbe tutto troppo facile.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *