Facebook: obiettivo target

Facebook  è stato dichiarato come il primo social della rete. E’ sicuramente uno strumento eccezionale. Senza contare le numerose applicazioni ad esso collegate e la possibilità di svilupparne delle altre.

Se Twitter è stato un successo per gli utenti smanettoni del web e un evento orgasmonico per i veri iNerd, Facebook rappresenta molto di più. O meglio la funzionalità di twittering è il minimo di quello che Facebook offre.

Una delle cose più interessanti di Facebook secondo me è la possibilità di creare gruppi. I temi possono essere sociali, geografici, anagrafici. Ccon un po’ di sale in zucca si possono creare gruppi ottimamente targettizzati. Se questo può essere importante per migliorare le vostre relazioni sociali, oppure per migliorare il vostro marketing ranking, questo non posso dirvelo io. E’ certo però che stanno arrivando in piattaforma valangate di avvoltoi in cerca di "nuovi prati su cui brucare".

Nel mio piccolo ho creato alcuni gruppi per relazionarmi con le persone che più mi interessavano e per testare al meglio la piattaforma. Devo dire che uno dei gruppi è stato un vero successo: boom di iscrizioni!

  • Mi so de Rovigo
    Riunisce gli utilizzatori di Facebook di Rovigo (e provincia). Nel giro di pochissimi giorni le iscrizioni sono state veramente numerose.
  • Mi so Veneto!
    L’idea di base era quella di "Mi so de Rovigo", però ci ho investito molto meno tempo e le registrazioni sono state meno per numero e diffusione.
    Sarà che il senso di aggregazione nel piccolo (target inferiore) è nettamente maggiore?
    Sarà che un piccolo target, specie se geografico, è molto più legato alla vita reale e che quindi lo strumento diventa un mezzo di comunicazione della vita reale e non uno stargate verso la vita virtuale?
  • Classe 1977
    Neonato gruppo. Ancora da testare… anzi se qualcuno è dell’annata giusta si iscriva subito 🙂

 

Insomma la piattaforma Facebook a degli altissimi margini su cui lavorare, purtroppo non offre strumenti di ricerca degli utenti avanzati (sesso, età, location, hobby, …) ma forse lo fanno proprio apposta!
C’è chi pensa che con Facebook si possa guadagnare: magari ha pure ragione e magare il fatto di poter massimizzare la targetizzazione da una grossa grossa mano!

Per concludere, come in ogni ambiente popolare che si rispetti, da qualche tempo è nato un gruppo contro la nuova versione di Facebook (se volete approfondire…). Io dico: "che palle". Sempre le solite cose in ogni posto… però forse è bello così! Specie per chi ha avuto l’idea che è riuscito a cumulare in pochissimo quasi un milione di iscritti

Per chi volesse rimanere old version a vita in alto a destra c’è un tasto per farlo: ma forse la paura di perdere tutte le nuove cazzatine di Facebook per sempre spaventa pure i rivoltosi 🙂

 

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *