eCommerce UX: il caso SuperDry

eCommerce e usabilità: la chiave di volta che agisce sul tasso di conversione. Solitamente vi posto le cose che non funzionano mentre le cose fighe le posta Andrea Vit. Questo sito però merita veramente.

Cosa fa di speciale? Beh giusto due cavolate che diventano però un bel plus per l’utente, magari per l’utente esigente come il sottoscritto.

Superdry Usabilità

Ho accerchiato le funzionalità a cui mi riferisco e le elenco:

  • Possibilità immediata di vedere subito tutti i prodotti senza paginazione. Ok, lo fanno in tanti, ma loro hanno ben pensato di inserire il numero totale degli articoli. Mi piace!
  • “più colori >” è un tastino semplice semplice che consente di vedere le varianti dello stesso prodotto, con tanto di nome della colorazione. Cliccando sulla variante, cambia la thumbnail e poi si può accedere al dettaglio prodotto. Mi piace assai.
  • Se con “più colori >” si cambia variante, cliccando sul prodotto si andrà alla variante.

Per la felicità del buon Vit il dettaglio prodotto propone video e foto con modello. Non mancano nemmeno gli elementi di cross selling e i prodotti visti di recente.

Per un paio di difetti glieli trovo lo stesso:

  • Nel dettaglio prodotto le varianti di colore non sono fisse cambiando variante, cosa assolutamente fastidiosa. In più non è evidenziata la variante selezionata (quella della foto grande per capirci).
  • L’ordinamento nell’elenco prodotti per prezzo non è coerente, o meglio funziona sul prezzo intero e non sul prezzo scontato.
  • Mancano dei filtri, tipo “camicie manica lunga / corta” e similari (è forse cercare il pelo…?)

Per i prodotti visti di recente peccato non abbiano riproposto qualcosa in homepage, un vero buchetto per l’utente che ha fretta ed è smemorato. Infinite un buchettino SEO: mancano i canonical soprattutto per la gestione della duplicazione dei contenuti nelle varianti di colore: ahi ahi ahi!

Adesso vi lascio che ho una camicia (o più) da comprare: adoro questo brand così jappa style!!! Per i nostalgici degli anni ’80:

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *