Dropbox e versioni dei file

Si leggono spesso in giro articoli in cui vengono presentati servizi di hosting remoto, semplicemente indicando se consentono la sincronizzazione multi-piattaforma, su che piattaforme sono compatibili e quanto spazio danno.

Articoli fotocopia… cambiano solo le cifre. Una cosa però che non ho mai letto, o che almeno non si sottolinea, è una funzionalità di Dropbox che molti altri servizi non hanno: la versione dei file.

Dropbox nasce come figlio di SVN, ovvero il più diffuso software per il controllo di versione dei file. Appunto per questo ne eredita una fondalmentale funzionalità: mantiene lo storico delle versioni dei file. Il limite è impostato a 30gg, ma è comunque una funzionalità utilissima.

In qualsiasi momento, tramite interfaccia del sistema operativo (tasto destro sul file > Dropbox > Show previous versions) , o tramite il sito (azione More > Show Previous versions) potete vedere cosa avete combinato al file nell’ultimo mese e recuperare una vecchia versione.

Ma c’è di più: sempre per 30 giorni c’è anche la possibilità di navigare nei file cancellati: una sorta di ulteriore cestino, oltre a quello offerto dal vostro sistema operativo.

Se ti ho incuriosito ricordati che l’account Dropbox, in versione base, è gratis: crearlo qui!

ps: per i più smanettoni il repository di Dropbox è raggiungibile anche via SVN, ecco come fare.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *