CSS2: scopriamoli un po’.

I CSS2 sono l’evoluzione dei CSS (Cascading Style Sheet), i nostri beneamati fogli di stile, che ci consentono, previo ottima strutturazione, di gestire visivamente i contenuti, ma soprattutto di dividere la programmazione del layout da quella dei contenuti stessi.

Tanto per dare una veloce infarinatura, se voi gestite i vostri contenuti in DIV, e ad ogni DIV assegnate un ID univoco, con i CSS potete assegnare caratteristiche grafiche e di posizionamento, senza più aprire l’HTML, ma lavorando solo nel foglio .css. Oltre tutto tale foglio può essere incluso in ognuna delle vostre pagine, creando uno stile comune.

I CSS2 introducono una serie di nuove proprietà, con il fine di dare maggior controllo grafico ai web master, soprattutto per quanto riguarda bordi, pseudo classi, aurali (relativi all’audio), …

Generazione di contenuti

Con i CSS2 possiamo inserire contenuti nella pagina direttamente dal foglio di stile. I contenuti potranno essere testo, oppure anche immagini (url). Vediamo qualche esempio:

p:after { content: “Ciao mondo”; }

p:before { content: url(../images/avatar.gif); }

q:before { content: open-quote; }

q:after { content: close-quote; }

Notate come l’utilizzo della pseudo definizione (:after, :before) possa aiutarvi a gestire un valangata di cose fighissime!

Inoltre punto importante la possibilità di rinchiudere un contenuto all’interno di un quoting.

Per approfondire »

 

Contatori

Possiamo gestire con una maggiore elasticità i contatori, collegandoli agli elementi della pagina. Qui potete trovare una serie di esempi esplicativi. Questa nuova funzionalità vi permetterà di gestire più elasticamente i documenti, un po’ come Word, senza dover ricorrere obbligatoriamente alle order list (OL).

Un esempio di codice:

h3:before { content: “Part ” counter(section) “: “; }

 

Per la stampa

Anche dal punto di vista “stampa” i CSS2 introducuno una nuova serie di definizione. Sempre più spesso infatti alcune pagine dei nostri siti devono essere stampabili, e il nostro sforzo dovrebbe essere quello di non riscrivere le pagine, ma creare pagine “adattabili” ai vari media:

css_ref_print.asp…

 

Reference

Se l’argomento vi interessa online ci sono miriadi di reference. Io reputo quella del w3school la migliore, in quanto vi consente di verificare la compatibilità del browser. Pare infatti che il nostro amico / nemico Internet Explorer come al solito storga un po’ il naso nei confronti dei CSS2, soprattutto con i Generated Content.

Quanti di voi colleghi hanno già iniziato a utilizzare i CSS2?

Ispirato a about.com.

 

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *