Applicazioni Facebook e privacy

Facebook e la privacyFacebook e privacy. In questi giorni il tema "sociale" più scottante. Sarà per il caldo che sta invadendo tutta Italia, sarà per i roghi che dei figli di nessuno stanno appiccando ai boschi italiani o sarà semplicemente perchè "qualcuno" sta iniziando a risquotere ciò che è proprio diritto.

No, non sono impazzito. E’ polemica degli ultimi giorni il fatto che Facebook e affini abbiano iniziato ad usare foto nei banner pubblicitari, destando notevole scalpore nel web. Ma perchè tanto rumore? Leggiamo appunto come si esprime Giuseppe Cutrone:

Va precisato che secondo i responsabili del sito, da un punto di vista legale, Facebook ha agito in piena correttezza, dato che tra le condizioni di sottoscrizione del servizio che si accettano al momento dell’iscrizione ci sono alcune clausole che prevedono l’utilizzo da parte dei gestori del sito delle foto personali, ma ciò che fa discutere è che nessuna “chiara” comunicazione sia stata data prima di attivare questo sistema.

Non fa una piega, non trovate? Avevo già espresso la mia opinione in merito su un commento ai concorsi a premi. La regola da seguire più sicura online per garantire personalmente la nostra privacy è: pubblichiamo solo ciò che vogliamo sia divulgato. Internet è nato per condividere, è inutile che voglio frenare la sua mission cercando di pubblicare contenuti e poi arrabbiandoci se qualcuno "per caso" li utilizza.

Nel caso di Facebook poi il caso è ancora più marginale: ogni singolo passaggio richiede l’accettazione. E noi siamo talmente tanto pigri e costantemente di fretta che mai e poi mai leggiamo cosa c’è scritto a corollario del pulsante "Accedi »" oppure del pulsante "Consenti »". E la stessa cosa la facciamo decine di volte al giorno quando installiamo software, che sia freeware o  a pagamento. Nella immagine allegata, cliccate per ingrandirla, è veramente così chiaro il messaggio, ripetuto due volte:

Se consenti l’accesso a <AppName>???, l’applicazione potrà accedere alle informazioni presenti nel tuo profilo, alle foto, alle informazioni dei tuoi amici e ad altri contenuti di cui si rivelerà necessaria l’elaborazione. […] Se scegli di proseguire, consentirai a <AppName>??? di accedere alle tue informazioni e accetterai le Condizioni d’uso di Facebook relativamente all’uso di <AppName>???

Vi era mai capitato di leggerlo? Non è assolutamente Facebook spam, questo è USERS DON’T READ! Ma voi lo firmereste un contratto su carta con tanta facilità? Oppure lascereste la vostra firma su un assegno bancario in bianco? Beh online pare che la moda sia proprio questa: firmare senza leggere! Se qualche dubbio è emerso in merito al vostro comportamento su Facebook (e non solo!!!) vi consiglio un paio di guide molto interessanti: Difendere la vostra privacy di Sitissimo e Configurare la privacy di We World Web.

 

Alcune condizioni di Facebook

Vorrei insieme analizzare alcune frasi contenute nelle condizioni di uso di facebook e disponibili solamente in lingua inglese.

[…] you grant us a non-exclusive, transferable, sub-licensable, royalty-free, worldwide license to use any IP content that you post on or in connection with Facebook ("IP License") […]

I contenuti IP sono le foto e i video che gli utenti di Facebook volontariamente caricano e per i quali Facebook richiede l’accettazione e il consenso a una licenza non esclusiva, trasferibile, sub-licenziabile, senza royalty e mondiale. Sottolineano inoltre che per rimuovere tale licenza è sufficiente rimuovere i contenuti o il proprio account.

 

[…] You will not post content that is hateful, threatening, pornographic, or that contains nudity or graphic or gratuitous violence.[…]

Questo significa che se qualcuno pubblica delle porcherie la colpa non è di Facebook. Al massimo Facebook è imputabile di un ritardo nella verifica e rimozione dei contenuti. Ma anche voi volendo potreste essere imputabili di non aver denunciato l’illecito. O no?

 

[… ] # You will not provide any false personal information on Facebook, or create an account for anyone other than yourself without permission. # You will not use Facebook if you are under 13. # You will keep your contact information accurate and up-to-date. […]

Inserire informazioni false in merito al vostro account o creare utenti fasulli  va contro il contratto che firmate su Facebook: prima di lamentarvi di Facebook sarebbe il caso di vedere il nostro comportamente. Anche perchè al terzo punto viene espressamente richiesto di mantenere l’account accuratamente aggiornato. Inoltre attenzione ai vostri figli, Facebook è vietato ai minori di 13 anni.

 

[…] You can use your privacy settings to limit how your name and profile picture may be associated with commercial or sponsored content. You give us permission to use your name and profile picture in connection with that content, subject to the limits you place. […]

Infine importante comma riguardante la privacy e la pubblicità: Facebook stesso invita l’utenza a limitare i propri contenuti in quanto potrebbero essere associati a uso commerciale o per sponsorizzazioni!!!

 

Potremo analizzare insieme punto per punto ma penso che ora non sia più necessario. Consiglio a tutti di leggere la "Statement of Rights and Responsibilities" e se avete problemi con l’inglese o chiedete qui o in qualche altro blog oppure provate a dare una sbirciatina con Google Translate, la versione auto-tradotta la trovate qui: Facebook diritti e responsabilità. Se invece avete capito che è ora di configuare la vostra privacy su Facebook la pagina delle opzioni è questa, magari vi chiederanno prima di logarvi!

Loading Facebook Comments ...

15 pensieri su “Applicazioni Facebook e privacy

  1. Pingback: ZicZac.it, clicca qui e vota questo articolo!

  2. trippi

    appena rientrata dalle vacanze ho trovato l’avviso sull’inbox di facebook, un’amica blogger mi avvisava di questa cosa e mi dava le indicazioni per non consentire l’uso delle mie foto (già di per se blindate dagli occhi di estranei. Ecco l’allert uscito quando ho seguito le sue istruzioni:

    Worried about privacy? Your photos are safe.
    There have been misleading rumors recently about the use of your photos in ads. Don’t believe them. These rumors were related to third-party applications, and not ads shown by Facebook. Get the whole story at the Facebook Blog, or check out the Help Center.

    Rispondi
  3. Pino

    Si potrebbe parlare per ore sull’argomento “utenti Vs utonti” e sulla loro pigrizia. Sono davvero pochi gli “smanettoni” che su Facebook riescono a destreggiarsi e ad avere la meglio su applicazioni varie o sulla marea di informazioni che possono inondare l’account e la propria homepage. Pochi dei miei contatti (credo due o tre) sanno come bloccare un’applicazione o come eliminare le pubblicazioni di un contatto in homepage o come evitare che i contatti ci stressino con sondaggi o quiz. I tuoi come sono messi Merlinox?

    Rispondi
  4. Merlinox Autore articolo

    @trippi: fatto tutto? pensati che io devo ancora fare… tanto su FB non ho niente 🙂
    @Pino: “utonti” è splendida come parola. Preferisco sempre la mia “keeg” però devo dire figliuolo che stai prendendo proprio la strada giusta […lol…]
    Non ho idea di come siano messi i miei utenti: da quando mi hanno chiuso FB in ufficio posso dire di essermene quasi liberato 🙂

    Rispondi
  5. Pingback: Applicazioni Facebook e privacy – The Facebook News

  6. Paolo

    Grazie per questa – ennesima, ma mai se ne dirà abbastanza – riflessione su Facebook e la privacy. Ho preso spunto dal tuo articolo per un post sul mio blog, ovviamente ti ho linkato 🙂
    Buon lavoro, e buon ferragosto

    Rispondi
  7. Pingback: Facebook VIP @merlinox

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *