Google controlla sempre molto attentamente che non ci siano contenuti pornografici all’interno dei siti in cui è presente il circuito Adsense. Addirittura l’esperienza vuole che sballato.com sia stato richiamato all’ordine, per aver posto degli advertising di mr. G. a fianco di celati topless o bikini.

Tutto filo lascio, peccato che in casa sua il porno abbia trovato locali molto disponibili: chissà come sono i body guard.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *