Analytics: google, bing e yahoo

Google Analytics ha una piccola mancanza: analizzando gli accessi dai motori di ricerca non c’è modo di verificarne il trend in modo grafico, al più di qualche hack in javascript.

In realtà possiamo usare i segmenti personalizzati per arrivare al nostro scopo, che poi potremo usare in tutti i report e in tutti i siti del nostro profilo. Farlo è molto facile.

Creiamo un nuovo segmento personalizzato accedendo dal box segmenti avanzati  in alto a destra. Aggiungiamo una condizione di tipo “source”, l’operatore “starts with” e come valore possiamo mettere “google.it” (quindi bing o yahoo). Personalmente ho creato due condizioni in OR su “google.it” e “google.com”.

Stessa cosa per gli altri motori, o gli altri siti che volete monitorare. Non vi resta che provare. Inoltre il pulsantino “Test segment” vi aiuterà a verificare di aver inserito condizioni corrette.

Buona analisi e buon weekend.

Loading Facebook Comments ...

2 pensieri su “Analytics: google, bing e yahoo

  1. Marco Cilia

    google.it e google.com per default sono fusi dentro a “google”, a meno di non avere un hack sui motori di ricerca, tipo il plugin di YOAST o il js di Clifton 😉

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *